del

Mail certificate: non sempre la Pec è sicura

di Giovanni Ziccardi

Stanno circolando false fatture allegate a mail Pec (la posta elettronica certificata), con regolare firma digitale. Sembrano provenire da reali indirizzi certificati, in realtà contengono un virus

Un caffè con Donna Moderna

Stanno circolando false fatture allegate a mail Pec (la posta elettronica certificata), con regolare firma digitale. Sembrano provenire da reali indirizzi certificati, in realtà contengono un virus

Giovanni Ziccardi
Un'opinione di

Giovanni Ziccardi

Docente di Informatica giuridica

Fino a qualche mese fa sembrava che la Pec, la posta elettronica certificata, di solito utilizzata dai professionisti o per comunicare con enti pubblici, fosse più sicura delle mail normali e la si potesse aprire tranquillamente.

Invece stanno circolando false fatture allegate a mail Pec, con regolare firma digitale. Sembrano provenire da reali indirizzi certificati (legalmail.it o sicurezzapostale.it), hanno come oggetto “invio fattura” e contengono un documento “.zip”.

L’allegato contiene parte di un virus; una volta aperto, scarica da Internet la parte mancante e installa il malware completo sul computer della vittima. Il risultato è che tutti i dati vengono cifrati.

L’invio di virus via Pec è molto insidioso perché chi riceve una mail certificata ha meno remore nell’aprire gli allegati. È invece importante non abbassare mai la guardia e controllare bene l’indirizzo da cui arriva la mail.


Cosa ne pensi? Scrivi a dallatuaparte@mondadori.it

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna