del

La primavera gioca d’anticipo: è marzo, ma sembra maggio

di Lorenza Pleuteri
La primavera gioca d’anticipo: è marzo, ma sembra maggio 1 - 3.00/5

L'inizio del mese ci ha regalato giornate calde, fuori copione.  Il bel tempo continuerà anche questa settimana, almeno fino a sabato. A cavallo del cambio di stagione, quest'anno il 20 marzo, sono attese invece perturbazioni e piogge

Un caffè con Donna Moderna

L'inizio del mese ci ha regalato giornate calde, fuori copione.  Il bel tempo continuerà anche questa settimana, almeno fino a sabato. A cavallo del cambio di stagione, quest'anno il 20 marzo, sono attese invece perturbazioni e piogge

“È stato il primo scorcio di marzo, ma sembrava maggio. E non è una buona notizia”. Così Luca Lombroso, meteorologo e divulgatore, riassume l’andamento del tempo nella prima metà del mese. Per lui e per gli specialisti del settore, per convenzione, la primavera è iniziata mercoledì 1 marzo. Astronomicamente scatterà invece con l’equinozio, lunedì 20 marzo. E ci regalerà altre belle, calde giornate.

Marzo è partito con il botto

“Marzo - sottolinea Lombroso - è partito con il botto. Mentre nel corrispondente periodo del 2010 si era alle prese con freddo e neve, in particolare nel Nord-Est, quest’anno le temperature sono state alte, molto alte. I valori registrati la scorsa settimana, in svariate zone d’Italia, corrispondono a quelli tipici di inizio maggio. Prendiamo Modena, per esempio. La temperatura massima media del trentennio 1961-1990 nella prima decade di marzo è  di + 10.6 gradi. Nella giornata di giovedì 9 marzo la massima ha toccato quota 19.4, venerdì 10 marzo sono stati raggiunti i 21.2 gradi, il doppio”.

Rischio gelate e temporali violenti

“Le temperature fuori copione,  è uno dei rischi, ‘ingannano’ piante e vegetazione. Gli alberi da frutto – spiega Lombroso - fioriscono in anticipo. E nel caso di successive gelate, non rare a questo punto dell’anno,  il freddo poi può ‘bruciare’ tutto e compromettere i raccolti”. Non solo. “Il troppo caldo è tutta energia che si accumula nel mare e nell’atmosfera, cosa che si traduce in precipitazioni molto intense e in fenomeni temporaleschi violenti”.

L’altra pressione dominerà anche questa settimana

La situazione, dopo la parentesi di un week end con qualche grado in meno, nei prossimi giorni non cambierà. La settimana in corso sarà contraddistinta dall’alta pressione, con bel tempo stabile e temperature  in genere sopra la medie, almeno fino a sabato 18 marzo. Lombroso si ferma qui, “perché le previsioni a medio e lungo termine non sono scientificamente attendibili e si rischia di cadere nelle meteo bufale”.

Attese piogge sul cambio di stagione

Gli esperti dell’Aeronautica militare, che comunicano attraverso il portale meteoam.it, si spingono ad azzardare le tendenze di massima attese, ipotetiche: “Nella settimana dal 20 al 26 marzo il tempo tornerà ad essere influenzato da perturbazioni isolate in area mediterranea, che andranno ad interessare in prevalenza le regioni meridionali. Il quadro delle precipitazioni si presenterà al di sopra della media al Sud ed in linea con la media del periodo al Centro-Nord. Le temperature saranno in linea con la media stagionale al Centro-Sud e superiori al Nord. Dal 27 marzo al 2 aprile le piogge dovrebbero essere nella media in tutto il Paese, con le temperature ovunque al di sopra dei parametri di riferimento”.

E l’ultima domenica di marzo scatta l’ora legale

Dal 3 al 9 aprile minime e massime rispecchieranno le medie storiche, sempre a detta degli esperti  dell’Aeronautica militare. Probabilmente ricomincerà a piovere e anche di più che negli anni passati. Le giornate, che i previsori ci azzecchino o meno, intanto si allungheranno. E nella notte tra sabato 25 e domenica 26 marzo entrerà in vigore l’ora legale, con le lancette degli orologi da spostare in avanti di 60 minuti.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna

Ti può interessare anche