del

Ne abbiamo i polmoni pieni!

di Laura M. Bosisio
Vota la ricetta!

L'aria delle nostre città è sempre più irrespirabile e a farne le spese, in particolare, sono i più piccoli. Dall'associazione milanese Genitori Antismog, un video denuncia per dire basta

L'aria delle nostre città è sempre più irrespirabile e a farne le spese, in particolare, sono i più piccoli. Dall'associazione milanese Genitori Antismog, un video denuncia per dire basta

Un caffè con Donna Moderna

Contro l'inquinamento, tante parole ma poche decisioni concrete: ecco il senso di questo breve video ideato dall'associazione Genitori Antismog, un gruppo nato nel 2001 per fare qualcosa contro l'inquinamento, che a Milano e in tantissime altre città italiane è un problema sempre più pressante.

Tutto inizia nell'inverno del 2001, quando il sindaco del capoluogo lombardo consiglia di tenere i bambini in casa a causa dell'aria irrespirabile. Questa raccomandazione è la goccia che fa traboccare il vaso della pazienza di un gruppo di mamme milanesi, che si presentano sotto le finestre di Palazzo Marino con i loro passeggini vuoti. L'idea riunirsi nasce lì, e il gruppo si evolve poi in una vera e propria associazione, che si incontra ogni mese per discutere e proporre nuove idee.

Ti stai immaginando un gruppo di fanatici ecologisti pronti a sparare a zero su qualsiasi automobilista? Niente di più sbagliato: la riunione si svolge in un clima decisamente allegro, tra aneddoti di ordinaria follia nel traffico cittadino e consigli pratici di sopravvivenza per chi ha coraggiosamente deciso di abbandonare l'auto a favore della bicicletta.

L'associazione è ancora giovanissima, ma ha già promosso progetti importanti, come EuroLifeNet, un esperimento di misurazione delle polveri sottili che ha coinvolto gli studenti di tre scuole milanesi, il Centro per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano e il Centro Comune di Ricerca di Ispra. L'ultimo in ordine di tempo è la Campagna Tosse: il video a cui hai appena assistito è stato inviato ai rappresentati della pubblica amministrazione.

Vuoi saperne di più? Visita il loro sito: chissà che non ti venga voglia di partecipare alla prossima riunione.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna