Allarme riso: 1 pacco su 4 arriva dall’estero, ma non si vede

Credits: Ansa
/5
di

Lorenza Pleuteri

Al via la battaglia del riso: quello importato dal Sud est asiatico può contenere residui non salutari. Coldiretti denuncia: "Il riso d'importazione è meno sicuro e viene coltivato sfruttando la manodopera, anche minorile. Nelle etichette va riportata la provenienza"

Un pacco di riso su quattro è di provenienza estera, ma non si vede. Sulle confezioni manca l’indicazione del Paese d’origine. Il consumatore, senza questa informazione, non più sapere da dove arrivano i chicchi e non è messo in grado di fare scelte consapevoli. Nel piatto, assieme alle pietanze a base di Basmati o Jasmine, potrebbero finire impercettibili tracce di pesticidi e altri composti chimici che bene alla salute non fanno. A denunciarlo, durante un manifestazione di piazza organizzata a Roma, sono i dirigenti e i soci di Coldiretti, schierati compattamente nella “battaglia del riso”.

Il ministro Martina annuncia: pronto un decreto ad hoc

L’attacco degli agricoltori italiani del comparto ha ottenuto un primo risultato. Il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina,  annuncia: “Vogliamo introdurre l’obbligo di indicazione in etichetta dell’origine del riso. La chiediamo a livello europeo e siamo pronti per introdurre questo strumento in Italia. Il decreto per la sperimentazione, elaborato in accordo con il ministro dello Sviluppo economico, è pronto”.

“Nel riso d’importazione residui non salutari”

“Il riso coltivato nel nostro Paese – garantisce Rolando Manfredini, responsabile dell’area sicurezza alimentare dell’associazione di categoria – è sicuro e garantito, perché le regole cui attenersi esistono e vengono rispettate. I controlli sono puntuali e frequenti. La controprova della bontà del prodotto italiano? Per il nostro riso non ci sono state segnalazioni al sistema europeo di allerta. Nel Sud est asiatico le cose vanno diversamente. Le importazioni extracomunitarie hanno innescato 11 allerte sanitarie da contaminazione. Nelle partite ‘fuorilegge’ - continua il rappresentante di Coldiretti -  è stata riscontrata la presenza irregolare di residui antiparassitari, di aflatossine cancerogene o altre tossine oltre i limiti, infestazioni da insetti, livelli fuori norma di metalli pesanti o la presenza di Ogm proibiti in Italia e in Europa”.

Tracce di vetro nel riso prodotto in Italia

Poi, ammette Manfredini, qualche problema può esserci anche da noi. L’anno scorso, in Germania, è stata segnalata la possibile presenza di frammenti di vetro in un lotto di Carnaroli coltivato nel Modenese. Nel 2015, in provincia di Vercelli, sono state sequestrate 3.800 tonnellate di riso ordinario spacciato per biologico. Nella stessa zona, tre anni prima, vennero localizzati sei silos pieni di riso e risone trattato con un potente agro farmaco: la sostanza tossica, consentita solo per la disinfestazione di magazzini vuoti, secondo i carabinieri dei Nas era stata utilizzata per eliminare i parassiti dai chicchi.

“In Asia sfruttato il lavoro minorile”

Manfredini riporta il discorso sul riso d’importazione dall’Asia, low cost. “Le multinazionali del commercio che operano lontano dall’Europa sfruttano il lavoro, anche quello minorile, e impiegano intensivamente prodotti chimici al bando nel nostro continente, con conseguenze per la salute e per l’ambiente”.

Le cifre rese note danno l’idea del perché delle proteste e delle dimensioni del business. “ Nel 2016 c’è stato un record storico di arrivi dall’estero. L’import dal Vietnam ha fatto segnare un + 346 per cento, per la Thailandia si è registrato il +34 per cento. Grandi quantità sono giunte anche da India (34 milioni di chili), Pakistan (25 milioni di chili) e Cambogia (17 milioni di chili). Una invasione da  Oriente, da dove proviene quasi la metà delle importazioni”. 

La lievitazione dei prezzi dal produttore al consumatore

“Il riso Made in Italy  - incalza Rolando Manfredini - è una realtà da primato per qualità, tipicità e sostenibilità. Il tutto, oltre che con l’obbligo di indicare la provenienza, andrebbe difeso con il blocco delle importazioni da Paesi che non rispettano le stesse normative vigenti in Italia, in termini di caporalato, di tutela ambientale e di impiego di prodotti chimici pericolosi per la salute. Servono interventi comunitari tempestivi ed efficaci  sulle importazioni incontrollate. E bisogna attivare la clausola di salvaguardia per il ripristino dei dazi. Ora vige un sistema tariffario agevolato a dazio zero per i Paesi in via di sviluppo che operano in regime Eba, “Tutto tranne le armi”, e vengono così aiutati ad accedere ai mercati europei”.

“Bassi guadagni dei coltivatori e speculazioni”

Ulteriore nota dolente, i prezzi pagati a monte e i ricarichi che pesano sul costo al dettaglio. “I produttori italiani incassano tra i 32 e i 36 centesimi al chilo per l’Arborio e dai 33 ai 38 centesimi al chilo per il Carnaroli, mentre le varietà in arrivo dall’Asia sono pagate circa la metà. Poi, dalla risaia alla tavola i prezzi si moltiplicano per cinque. Da dicembre i prezzi del risone italiano hanno subito un crollo del 33,4 per cento, eppure sugli scaffali dei supermercati sono rimasti pressoché stabili, con un danno per i consumatori e una perdita per i produttori stimata in 115 milioni di euro in dodici mesi”.

Resiste il primato del riso italiano in Europa

L’Italia - altra informazione di base, sempre di fonte Coldiretti – “è ancora il primo produttore europeo di riso su un territorio di 237mila ettari coltivato da 4.263 aziende, per un raccolto di 1,58 miliardi di chili, con un ruolo ambientale insostituibile e opportunità occupazionali.  Ma la situazione sta precipitando e a rischio c’è il lavoro di oltre diecimila famiglie impegnate nell’intera filiera”.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te