del

Aiuto! Tornano gli esami a settembre

di Giovanna Sciacchitano
Vota la ricetta!

Il 70 per cento dei liceali quest'anno rischia la bocciatura o un'estate passata sui libri. Ma il tempo per rimediare c'è

Il 70 per cento dei liceali quest'anno rischia la bocciatura o un'estate passata sui libri. Ma il tempo per rimediare c'è

Un caffè con Donna Moderna

Dopo 13 anni, per gli studenti delle superiori torna lo spauracchio degli esami di riparazione. «Con l'ordinanza 92 del 5 novembre 2007, non si può più passare alla classe successiva portandosi dietro i debiti, cioè le insufficienze in pagella» spiega Bruno Saladino, preside del liceo classico Volta di Como. «Abbiamo visto, infatti, che il sistema non funzionava perché solo il 25 per cento dei ragazzi riusciva a recuperare le lacune». Ora, invece, gli studenti che a giugno ancora “zoppicano” in qualche materia saranno rimandati. Avranno tutta l'estate per studiare e superare la verifica obbligatoria che li aspetta a settembre. Anche perché possono contare su corsi di sostegno gratuiti organizzati dalle stesse scuole.

Con le vacanze si recupera
Tra due mesi ci saranno gli scrutini di fine anno. «Per questa data, gli insegnanti hanno due possibilità con gli studenti a rischio» spiega Mirella De Carolis, preside del liceo classico Carducci di Milano. «Se pensano che il recupero sia impossibile, possono bocciarli. Negli altri casi, è prevista “la sospensione del giudizio” e l'obbligo di una verifica a settembre. Se viene superata si passa alla classe superiore, altrimenti si ripete l'anno». Ma in quante materie si può essere rimandati a settembre? «Dipende dalla scuola» riprende la preside. «Nel nostro istituto, in genere, quando ci sono più di due voti insufficienti scatta la bocciatura a giugno».

Arrivano i corsi di sostegno
Adesso i liceali con brutti voti (secondo gli ultimi dati 7 su 10) hanno qualche probabilità in più di farcela. «In marzo e aprile possono frequentare i corsi di sostegno organizzati dagli istituti» riprende la preside. «Un ragazzo può decidere se iscriversi o meno a queste lezioni collettive di almeno quindici ore per materia. Consiglio di frequentarle perché i corsi sono tenuti dai docenti interni alla scuola, gli stessi che  giudicheranno lo studente alla fine del quadrimestre». Il secondo turno dei corsi di recupero si terrà tra giugno e luglio ed è aperto a chi è stato rimandato a settembre. La frequenza è obbligatoria. Chi vuole rinunciare deve fare firmare una liberatoria dai genitori.

Le ripetizioni on line
Gli alunni dei primi due anni di superiori che vogliono recuperare in qualche materia possono fare ripetizioni on line. Alcune scuole hanno già aderito al progetto Sos Studenti. Funziona così: lo studente può scaricare gratis da www.puntoedu.indire.it materiale didattico e fare tutta una serie di compiti extra al computer. Un professore, poi, li controllerà, senza però dare voti.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna