Arriva TruCam, l’autovelox infallibile. Addio ricorsi contro le multe

Credits: ANSA
/5
di

Oscar Puntel

TruCam, l'autovelox che tutto vede e niente perdona, è già in uso nel Lazio e in Sardegna. Riesce a registrare immagini nitide fino a 1,2 km: misura la velocità, rileva infrazioni come la cintura di sicurezza non allacciata o l'uso dello smartphone alla guida

Fine dei furbetti da autovelox: arriva in Italia, sperimentato in Sardegna e nel Lazio, un nuovo potentissimo strumento per rilevare le infrazioni al volante.

Si chiama Telelaser TruCam: è una telecamera che riesce a riscontrare più inadempienze in un sol colpo, grazie a filmati in HD: funziona fino a 1,2 km di distanza, con ogni condizione di meteo e anche di notte (grazie agli infrarossi). Nel puntatore ci finisce non solo la velocità, ma anche la guida senza cintura e quella “distratta” da smartphone. Riesce a discriminare se i veicoli sono pesanti e quindi hanno limiti di velocità particolari; è in grado di identificare le distanza fra i veicoli. Legge, ovviamente, la targa. E da quest’ultimo sarà possibile ricavare subito altri dati sull’auto puntata.

Il video può essere poi visto subito, permettendo così la contestazione immediata, ma può essere anche salvato su un hard disk protetto e sarà a disposizione delle autorità per eventuali contestazioni. Ma è già quasi certo lo strumento ridurrà anche queste: una prova video così dettagliata sarà praticamente impugnabile. Contestare un errore tecnico sarà come arrampicarsi sugli specchi, visto che il nuovo strumento rileva decelerate improvvise, cinture di sicurezza allacciate all’ultimo minuto e cellulari fatti scivolare per non farsi pizzicare.

C’è di più. Con questo dispositivo, i poliziotti potranno anche leggere il numero di targa, e acquisire tutti i dati della vettura: potranno accertare il pagamento del bollo assicurativo, se l’auto ha “passato” la revisione oppure se è stata rubata. La notifica della “multa” sarà ancora più precisa nella verbalizzazione perché includerà i dati del GPS: l’esatta localizzazione del luogo dove è avvenuta l’infrazione.

La tecnologia TruCam, che è anche di ridotto peso e dimensioni, può essere inserita negli autovelox fissi (accadrà presto così per i 382 comandi di polizia locale che l’adotterà) o imbracciata dagli operatori della stradale per controlli mobili. Sulla Pontina, nel Lazio, dove è tutt’ora in uso, è stato subito uno stillicidio di multe: 300 in una settimana. Nel mirino del super autovelox finite soprattutto auto che viaggiavano fra 130 e 170 km/h, contro un limite di 90 km/h.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te