del

Chiara Appendino, nuovo sindaco di Torino

di Fabio Brinchi Giusti
Vota la ricetta!

Chiara Appendino è il nuovo sindaco M5S di Torino. Ecco chi è la candidata che ha vinto le elezioni nel capoluogo piemontese

Un caffè con Donna Moderna

Chiara Appendino è il nuovo sindaco M5S di Torino. Ecco chi è la candidata che ha vinto le elezioni nel capoluogo piemontese

Chiara Appendino è il nuovo sindaco di Torino. Insieme a Virginia Raggi è l’altro volto giovane e donna del M5S che vince le elezioni amministrative. 31 anni, sposata, madre da pochi mesi della piccola Sara ha iniziato, come Giorgia Meloni, la campagna elettorale col pancione. Secondo molti commentatori, è stata la vittoria più inaspettata contro il sindaco uscente, Piero Fassino, che in alcuni sondaggi veniva dato come vincitore sicuro già al primo turno. Consigliere comunale d’opposizione, è stata una ferma oppositrice del sindaco Fassino. Durante uno scontro, pare che Fassino le abbia detto: “Mi sono seccato dei suoi giudizi presuntuosi. Mi auguro che un giorno lei si segga su questa sedia, vediamo se sarà capace di fare tutte le cose che dice”. Detto, fatto.

Chiara Appendino è stata definita “una grillina anomala” per il suo stile e per il suo profilo personale. È laureata alla Bocconi di Milano, è figlia di un dirigente d’azienda ed è sposata con un imprenditore. In passato ha lavorato alla pianificazione finanziaria della Juventus mentre oggi dirige l’azienda di famiglia.

Ha usato in campagna elettorale toni pacati, riuscendo a evitare scivoloni e polemiche (a parte un confronto infelice fra le file ai musei e le file alla mensa della Caritas). Nel suo programma ha puntato soprattutto sul disagio sociale che attraversa le periferie della città, ottenendo proprio nei quartieri più difficili il maggior numero di voti. Ha promesso maggiore attenzione alla povertà tramite l’istituzione del reddito di cittadinanza ovvero un sussidio versato ai cittadini più indigenti. Chiara Appendino, scrive oggi il giornale torinese “La Stampa”, ha saputo conquistare le categorie che si sentivano meno rappresentate dall’amministrazione uscente.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna