Guida al digitale terrestre

  • 1 27
    Credits: Tips

    È una piccola rivoluzione. In questi mesi, in diverse regioni, si sta passando a un altro modo di vedere la televisione. Cambia il segnale e, grazie alle nuove tecnologie, si potranno ricevere più canali. Per sintonizzarsi, però, ci vuole un decoder. In questa gallery, 20 domande (e 20 risposte) chiariscono ogni dubbio. E suggeriscono come contenere la spesa

  • 2 27

    Che cos'è il digitale terrestre?
    È la nuova televisione. Si chiama digitale perché i suoi ripetitori trasmettono tramite onde elettromagnetiche una serie di informazioni numeriche che poi vengono tradotte (decodificate) in immagini dall'apposito decoder. La nostra vecchia tivù, invece, è chiamata analogica, perché trasmette informazioni basate su variazioni di frequenza o ampiezza dell'onda. In pratica, tra la tivù digitale e quella tradizionale c'è la stessa differenza che passa tra un cd audio e un vecchio disco in vinile. La nuova tivù, poi, è anche "terrestre" perché viene trasmessa da ripetitori posti qui sulla terra, non da satelliti che ruotano nello spazio. Ecco perché, per vederla, bastano le normali antenne televisive e non servono le parabole. Oltre che "digitale terrestre" puoi sentirla chiamare con varie sigle, come Tdt, Dtt, Dtv o Dvb-T.

  • 3 27

    Posso continuare a vedere la tv come ho sempre fatto?
    No. Il sistema di trasmissione digitale è totalmente diverso da quello analogico, dunque per vedere la tivù digitale terrestre ti serve un apparecchio con il decoder incorporato. O, in alternativa, un decoder digitale terrestre da collegare al vecchio televisore. Dalla nascita della televisione,  è la prima volta che siamo costretti a cambiare tivù. Quando, negli anni Settanta, arrivò quella a colori non ci fu questo problema perché lo standard di trasmissione rimase lo stesso: gli apparecchi in bianco e nero, semplicemente, "ignoravano" le nuove informazioni relative al colore. Ma è obbligatorio passare al digitale? Sì, tanto che non solo in Italia, ma anche nel resto d'Europa e negli Usa il passaggio al digitale terrestre è stato deciso per legge.

  • 4 27

    Avrò a disposizione più canali di prima?
    Sì, uno dei punti di forza del digitale terrestre è che nella stessa banda di frequenze possono essere trasmessi molti più canali, perché i segnali digitali, a differenza di quelli analogici, possono essere "compressi" per risparmiare spazio. Già adesso, se hai comprato un decoder digitale terrestre, puoi vedere che ci sono molti canali nuovi, per esempio le versioni "+1" di Canale 5, Italia 1 e Rete 4 che sono utilissime quando perdi l'inizio di un programma, perché lo ritrasmettono un'ora dopo la programmazione normale. Ci sono poi i canali per i bambini come Boing e RaiGulp, o quelli con interessanti documentari come RaiStoria.

  • 5 27

    Occorre acquistare un'antenna nuova?
    Di solito no. Per il digitale terrestre si usa la normale antenna televisiva. In alcuni casi potresti doverla riorientare perché, talvolta, il ripetitore che andava bene con la vecchia tivù analogica non è lo stesso che offre il miglior segnale digitale. Solo se la tua antenna è arrugginita, oppure se il tuo vecchio impianto ha i cavi ossidati, potresti dover acquistarne una nuova o rimodernare tutto l'impianto.

  • 6 27

    Ho sempre avuto problemi di ricezione: ora vedrò meglio i programmi?
    Potrai saperlo solo quando proverai a sintonizzare il digitale terrestre: la nuova tivù, infatti, utilizza meno frequenze rispetto a quella vecchia. Se queste corrispondono ai vecchi canali analogici che vedevi bene, allora riceverai perfettamente anche i canali che prima erano disturbati. Se, invece, hai la sfortuna che il digitale trasmette su frequenze dove prima la ricezione era molto difficile, allora potresti vedere male anche tutti i programmi digitali o non vederli affatto. Non solo. Sono anche diverse le conseguenze dei disturbi sul segnale. Con la vecchia tivù, man mano che la qualità del segnale peggiorava, potevano comparire delle ombre, poi l'effetto "neve" e la perdita del colore. Con il digitale, invece, i disturbi lievi vengono corretti automaticamente, quelli medi causano quadrettature, rumori nell'audio e apparizione di fotogrammi verdi, mentre se il segnale arriva male, non si vede più nulla.

  • 7 27

    Mi serve un decoder speciale o posso utilizzare quello che ho già?
    Se hai un decoder satellitare, non puoi usarlo per il digitale terrestre. Al contrario, se hai già comprato un decoder digitale terrestre (Dvb-T) allora puoi vedere i normali canali Rai e Mediaset e i nuovi canali gratuiti. Non tutti i decoder però sono in grado di farti vedere le trasmissioni digitali terrestri a pagamento, e non tutti sono interattivi (cioè, se collegati al telefono, permettono di televotare o di giocare in tempo reale). Attenzione al colore del bollino Dgtvi che trovi sull'apparecchio. GRIGIO: vedi solo i canali digitali gratuiti e non hai l'interattività; BIANCO: per vedere le trasmissioni a pagamento devi comprare un adattatore (Cam) e non hai l'interattività. BLU: puoi usufruire dei servizi interattivi e vedere le trasmissioni a pagamento inserendo la scheda Mediaset Premium o Dahlia nell'apparecchio. ORO: puoi vedere le trasmissioni digitali terrestri in alta definizione (Hd). C'è anche il TivùSat: devi collegarlo alla parabola per vedere i canali del digitale terrestre gratuiti. È interattivo, ma non supporta l'Hd.

  • 8 27

    Possiedo già  la parabola e l'abbonamento Sky: mi bastano per il digitale?
    No, il digitale terrestre è diverso da quello satellitare: cambiano gli standard per decodificare il segnale, ma anche le frequenze e il tipo di antenne necessarie. Se hai già la parabola e l'abbonamento Sky, però, puoi scegliere di non acquistare anche il decoder per il digitale terrestre, visto che i normali canali Rai e Mediaset ci sono anche sul satellitare. Per quanto riguarda i canali aggiuntivi, con l'abbonamento a Sky ne hai a disposizione più che con il digitale terrestre. Dunque, a meno che tu non sia interessata a specifici canali che trovi esclusivamente sul digitale terrestre, se hai l'abbonamento a Sky potrai continuare a vedere i normali canali tivù anche quando le vecchie trasmissioni analogiche verranno "spente". Infine, se hai la parabola ma non l'abbonamento a Sky, puoi pensare di acquistare lo speciale decoder TivùSat che si collega alla parabola ma ti fa vedere le stesse trasmissioni del digitale terrestre, con l'esclusione dei canali a pagamento.

  • 9 27

    Cosa significa che la nuova tv diventa interattiva?
    Vuol dire che potrai interagire in tempo reale con le trasmissioni che stai vedendo. Per esempio, i fan di Chi vuol essere milionario, in onda su Canale 5, potranno giocare in diretta con Gerry Scotti, mentre i più giovani avranno la possibilità di televotare il cantante preferito in una competizione televisiva. In passato si è detto che avresti potuto anche richiedere certificati o sbrigare alcune pratiche senza muoverti da casa, il cosiddetto e-government. Ma, al momento, questa possibilità è ancora sulla carta. Per poter sfruttare l'interattività, però, decoder o televisore devono essere compatibili con lo standard Mhp. Controlla, quindi, che l'apparecchio o il decoder che vuoi acquistare abbiano il bollino Dgtvi blu. Non solo. Dovrai anche collegare il decoder a una presa telefonica per poter inviare i dati alle emittenti televisive, visto che l'antenna tivù può soltanto ricevere ma non trasmettere. I costi? Dipendono dalle tariffe telefoniche applicate dal tuo gestore.

  • 10 27

    Con il digitale potrò registrare un programma sul computer?
    Sì. Il vantaggio è che, essendo digitale, avrà la stessa qualità della trasmissione originale, mentre le registrazioni su pc dai vecchi apparecchi analogici perdevano molto in qualità. Devi però acquistare un sintonizzatore digitale terrestre per computer: in commercio ce ne sono moltissimi, sotto forma di schede interne o di chiavette Usb. Per non sbagliarti verifica che siano compatibili con lo standard Dvb-T. Se vuoi il massimo, orientati su un modello che supporti anche l'alta definizione (se hai un disco rigido capiente). Potrai poi masterizzare le registrazioni su Dvd.  La gran parte dei sintonizzatori per pc, non permette l'interattività né la visione dei canali a pagamento. Con poche eccezioni, come il Terratec Cinergy Ci Usb, un apparecchio che si può rendere compatibile con le smart card di Mediaset Premium e Dahlia. Un sintonizzatore simile viene prodotto anche da Hauppage con il nome di WinTv Ci.

  • 11 27

    Sarà possibile ascoltare tutti i film in lingua originale?
    Sì, molti film, telefilm, fiction e anche cartoni animati sono trasmessi con il doppio audio, come succede da tempo sui canali satellitari. In digitale infatti è facile codificare su un segnale televisivo più tracce audio, poi sarai tu a scegliere se vuoi ascoltare il programma in lingua originale o doppiato. Perfetto per ascoltare la vera voce dei tuoi attori preferiti, ma anche per esercitarti con l'inglese. Se, invece, sei appassionata di musica, sarai contenta di poterla ascoltare in surround 5.1 (il massimo della qualità audio) invece che in stereo, cosa possibile sia con i concerti sia con i film.

  • 12 27

    Vorrei regalare un televisore a mio figlio: devo pensare anche al decoder?
    No. Dal 3 aprile 2009 in commercio si trovano soltanto apparecchi già dotati di decoder digitale terrestre interno. È stato stabilito per legge, anche se con ritardo visto che, sino al 2 aprile scorso, si correva il rischio di comprare un televisore nuovo ma inutilizzabile da lì a pochi mesi. Oggi, invece, non corri più questo pericolo, anche se la maggioranza dei televisori con decoder interno che puoi trovare sugli scaffali non consente l'interattività. E non è attrezzato per ricevere le trasmissioni dei canali a pagamento come, per esempio, il calcio di una pay tivù. In questo caso, quindi, oltre all'apparecchio, dovresti regalare a tuo figlio anche un adattatore (si chiama Cam) in cui poter inserire le schede dei canali a pagamento, ma non avrà comunque l'interattività. Insomma, l'ideale, per evitare questi inconvenienti, è acquistare un apparecchio dotato di bollino Dgtvi blu. Cioè un modello che è in grado di supportare sia l'interattività sia il digitale terrestre a pagamento.

  • 13 27

    Se non riesco a ricevere il segnale lo Stato mi garantirà i canali gratis via satellite?
    Sì, potrai vedere tutti i canali in chiaro (cioè non a pagamento) del digitale terrestre. Grazie a un accordo tra Rai, Mediaset e La7, infatti, da luglio, i canali del digitale terrestre vengono ritrasmessi anche su satellite. Dunque potrai puntare la parabola sul nuovo segnale satellitare, che si chiama TivùSat e che si trova nello stesso punto del cielo da cui trasmette Sky. Ci sono, però, un paio di svantaggi: è vero che TivùSat è gratuita e non dovrai pagare alcun abbonamento ma, per vederla, serve un adattatore. Il segnale, infatti, va decodificato per motivi legati ai diritti di trasmissione. Insomma, ti servirà un nuovo decoder anche se hai già quello di Sky, incompatibile con TivùSat. Il secondo svantaggio è che, con questo sistema, non potrai vedere i canali a pagamento di Mediaset Premium e Dahlia. Con la parabola, però, puoi sempre abbonarti a Sky e accedere a molti più canali a pagamento. Spesso, poi, i canali sono gli stessi del digitale terrestre. Come Playhouse Disney.

  • 14 27

    Potrò vedere in alta definizione i documentari naturalistici che mi piacciono tanto?
    Sì, ma a determinate condizioni. Per prima cosa, dovrai dotarti di un decoder digitale terrestre che supporti l'alta definizione, ovvero quelli con il bollino Dgtvi color oro, che sono ancora pochi e costosi. Invece i decoder digitali terrestri integrati nei nuovi televisori di solito non supportano l'alta definizione, anche se il televisore è un Hd Ready o FullHd. Poi dovrai avere pazienza, perché le trasmissioni in alta definizione sul digitale terrestre sono ancora poche. Inoltre c'è il rischio che, in futuro, il digitale terrestre in alta definizione passi a un nuovo standard di codifica, costringendoti ad acquistare un nuovo decoder. Se sei appassionata di documentari e film in alta definizione, quindi, potresti orientarti sulla tivù satellitare che, al momento, è l'unica a offrire, senza sovrapprezzo, molti canali in alta definizione.

  • 15 27

    I canali sono tutti gratis?
    Con il digitale terrestre sono gratuiti i tradizionali canali di Rai e di Mediaset, più alcuni che non c'erano nella vecchia tivù. Come Rai4, che ritrasmette programmi Rai di successo; Rai Gulp e Mediaset Boing per i bambini; Rai Edu per l'istruzione; le tivù straniere Bbc World e France 24 e la TV cattolica Sat2000. Sono a pagamento, invece, i canali di Mediaset Premium e Dahlia. I primi offrono i pacchetti Gallery e Fantasy (10 canali) più il calcio. Dahlia, che ha sostituito La7 Cartapiù, per ora offre solo quattro canali di calcio, sport estremi e telefilm. Molti si chiedono se convenga di più la pay tv digitale terrestre o quella satellitare. La risposta è: dipende. Se vuoi molti canali per i bambini, i documentari e l'intrattenimento, ti conviene la tivù satellitare. Se, invece, ti interessano solo i film o lo sport, Mediaset Premium è più conveniente.

  • 16 27

    Ho due televisori: basta un solo decoder?
    No. Qualsiasi tivù tradizionale, cioè senza il decoder digitale terrestre interno, non potrà più sintonizzare alcun canale. Quindi dovrai collegarla a un decoder. Una spesa, considerato che, in molte famiglie, ci sono più televisori. Se oltre alla tivù del salotto ne hai una in cucina, quindi, dovrai comprare due decoder. Collegarne uno a due apparecchi è possibile, ma saresti costretta a vedere lo stesso programma su entrambi.

  • 17 27

    È previsto un rimborso?
    Sì. Ma il rimborso per il decoder spetta solo a chi è in situazione disagiata, con regole diverse da regione a regione. Per esempio in Piemonte, Campania e Lazio ci vogliono 65 anni di età e un reddito inferiore a 10.000 euro; a Trento bisogna avere 75 anni compiuti, senza limiti di reddito; in Valle d'Aosta il rimborso spetta a tutti. Il contributo regionale consiste in 50 euro di sconto su un decoder interattivo di qualsiasi marca, il cui prezzo sia almeno pari a 50 euro. Ma i decoder interattivi (quelli con il bollino Dgtvi blu) costano da 70 a 90 euro, mentre i più economici con bollino grigio (circa 30 euro) non sono coperti da rimborso. Per usufruire del contributo, infine, ricorda che devi acquistare il decoder presso un rivenditore che aderisce all'iniziativa ed essere in regola con canone Rai. Non è possibile ottenere il contributo per due decoder se hai un solo abbonamento Rai. Per saperne di più: numero verde 800022000, www.decoder.comunicazioni.it

  • 18 27

    Con la nuova televisione, dovrò continuare a pagare il vecchio canone?
    Sì, perché quello che conta, quando si parla di abbonamento Rai, non è il modo di trasmettere (digitale o analogico) ma il fatto di poter ricevere il segnale. Il canone fu istituito addirittura 20 anni prima dell'arrivo della tivù in Italia e si pagava per la radio.

  • 19 27

    Il videoregistratore che ho va cambiato?
    Purtroppo sì, perché i vecchi modelli hanno un sintonizzatore analogico proprio come le tivù, dunque da un giorno all'altro non potrai più registrare le tue trasmissioni preferite. E dovrai anche fare molta attenzione in fase di acquisto, perché la legge che impone ai negozianti di vendere solo televisori con il digitale terrestre incorporato, incredibilmente non vale per i videoregistratori. Dunque un negoziante scorretto potrebbe venderti anche oggi un apparecchio inutilizzabile. Invece di comprare un nuovo videoregistratore, però, puoi anche collegare il decoder digitale terrestre sia al televisore sia al tuo vecchio registratore. Però non potrai vedere una trasmissione mentre ne registri un'altra, né programmare il canale da registrare con il timer. E dovrai lasciare il decoder acceso sul canale che vuoi registrare. Alla fine, per evitare queste scomodità, probabilmente molti sceglieranno di cambiare il videoregistratore: un ulteriore costo di cui non si sta parlando.

  • 20 27

    Come posso semplificare gli acquisti e non comprare troppe cose?
    Puoi farlo acquistando un videoregistratore Dvd con decoder digitale terrestre interno, che ti permette di vedere i canali digitali in tivù senza comprare un decoder separato, registrare le trasmissioni e guardare film su Dvd. Questi apparecchi però, spesso, non supportano l'interattività né le pay tv. Se sei abbonata a Sky, invece, ti segnaliamo X-Dome HD 1000NC, il primo decoder che funziona sia con la tivù satellitare di Sky che con il digitale terrestre e che supporta l'alta definizione e la pay tivù del digitale terrestre.

  • 21 27

    Posso ricevere il digitale terrestre via Internet?
    Apparentemente sì, in realtà no. Telecom Italia (Alice Home Tv) ti fornisce i canali gratuiti del digitale terrestre, anche in Hd. Inoltre puoi acquistare i programmi di Sky (non in Hd) e quelli di Mediaset Premium e Dahlia. Ma anche vedere i programmi on-demand. Fastweb, invece, ti offre i programmi on-demand e i canali gratuiti del digitale terrestre, inoltre puoi acquistare i canali di Sky e alcuni tra quelli dei pacchetti di Dahlia e di Mediaset Premium. Dov'è il problema? In realtà, solo i programmi on-demand e quelli di Sky ti arrivano via Internet. Quelli del digitale terrestre, invece, vengono sintonizzati tramite un decoder integrato nel box Alice o Fastweb. Ma se a casa tua il digitale terrestre non arriva o si prende male, non potrai usarli (però con Fastweb puoi comunque vedere via Internet i 6 canali nazionali Rai e Mediaset, ma non quelli che esistono solo sul digitale terrestre).

  • 22 27

    Il calendario del digitale terrestre
    Entro il 2012 il digitale terrestre sarà diffuso in tutta Italia. In questa tabella trovi un elenco delle scadenze e delle regioni che, via via, riceveranno i programmi in digitale terrestre. Per maggiori informazioni, puoi chiamare il numero verde 800022000.

  • 23 27

    Le parole della nuova tivù

    _Bollino Dgtvi - È l'etichetta che attesta le funzioni disponibili su decoder e televisori. Può essere in quattro colori: grigia consente di ricevere i canali gratuiti del digitale terrestre; bianca di vedere anche quelli a pagamento di Mediaset Premium e Dahlia acquistando un adattatore (Cam); blu di ricevere i programmi gratuiti e a pagamento e di sfruttare le funzioni interattive; oro, infine, garantisce tutto, anche l'alta definizione.
    _Cam - Conditional acces module: è l'adattatore che consente di inserire le smart card, come quelle di Mediaset Premium e Dahlia, per vedere i programmi a pagamento.
    _Dtt - Digital terrestrial television. È una delle sigle per definire il digitale terrestre.
    _Dtv - Digital tv, è un altro modo di indicare il digitale terrestre.
    _Dv-S - Digital video broadcast-Satellite. Si chiama così lo standard europeo usato per il digitale satellitare.
    _Dv-T - Digital video broadcast-Terrestrial. È la sigla che definisce lo standard europeo usato per le trasmissioni digitali terrestri.

  • 24 27

    Le parole della nuova tivù

    _Free-to-air - Si chiamano così i programmi ricevibili gratuitamente.
    _Full Hd - Questa sigla indica un televisore che può ricevere in alta definizione.
    _Hd Ready - Indica che un televisore riceve in alta definizione.
    _Iptv - Si riferisce alla televisione via Internet che, al momento, in Italia è offerta da Telecom Italia e Fastweb e viene trasmessa via Adsl oppure tramite fibra ottica.
    _Lcn - Logical channel numbering, è la tecnologia che nei decoder digitali terrestri consente di mettere automaticamente in fila i canali trovati (prima Rai 1-2-3, poi Rete4 Canale5 Italia 1 e e così via). Se il decoder non ha questa funzione, i canali dovranno essere riordinati manualmente.

  • 25 27

    Le parole della nuova tivù

    _Mux - Multiplex, è l'insieme di canali digitali che vengono trasmessi sulla stessa frequenza.
    _On-demand - Indica le trasmissioni televisive che possono essere selezionate e viste nel momento preferito dall'utente, invece che nell'orario deciso dall'emittente. In pratica, si tratta di archivi di registrazioni, offerti gratuitamente oppure a pagamento.
    _Pixel - Elemento luminoso presente su uno schermo televisivo o un monitor per PC: più pixel ci sono maggiore è la risoluzione, ovvero a parità di diagonale le immagini saranno più definite.
    _Pvr - Personal video recorder, videoregistratore che contiene un disco rigido su cui registrare le trasmissioni tivù senza usare dvd oppure cassette.

  • 26 27

    Le parole della nuova tivù

    _Set top box - Si chiama così il box fornito dai provider per vedere la tivù via Internet sul televisore invece che sul pc.

    _Smart Card - Si chiama così la scheda necessaria per decodificare i programmi televisivi criptati. Viene fornita dalle emittenti che offrono programmi a pagamento (Mediaset Premium e Dahlia sul digitale terrestre, Sky sul satellitare), ma ne esiste anche una gratuita fornita da TivùSat per vedere via satellite le trasmissioni gratuite del digitale terrestre.

    _Switch-Off - È il termine che indica la chiusura totale delle trasmissioni Tivù analogiche.

    _Switch-Over - Con questa parola si indica il passaggio al digitale di alcuni canali che non vengono più trasmessi in analogico.

  • 27 27

    Le parole della nuova tivù

    _Tdt - Televisione digitale terrestre, una delle sigle usate per definire il digitale terrestre.

    _TivùSat - È la piattaforma televisiva gratuita italiana per la televisione digitale satellitare. È offerta da Tivù s.r.l., società italiana di cui fanno parte Rai, Mediaset e Telecom Italia Media. Consente di vedere i canali gratuiti del digitale terrestre dove il segnale non arriva, usando una parabola orientata sugli stessi satelliti di Sky. Richiede un decoder diverso da quelli di Sky e del digitale terrestre e una smart card gratuita, perché i programmi sono criptati.

    _Zapper - È il decoder modello-base, senza standard Mhp, ovvero con bollino Dgtvi di colore grigio. In pratica, quello in grado di ricevere i programmi digitali terrestri gratuiti, ma non quelli a pagamento né i servizi interattivi.

/5
di

Marco Milano

È una piccola rivoluzione. In questi mesi, in diverse regioni, si sta passando a un altro modo di vedere la televisione. Cambia il segnale e, grazie alle nuove tecnologie, si potranno ricevere più canali. Per sintonizzarsi, però, ci vuole un decoder. In questa gallery, 20 domande (e 20 risposte) chiariscono ogni dubbio. E suggeriscono come contenere la spesa

 

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te