del

Lotta all’Isis: perché l’Italia non vuole il Muos

di Fabio Brinchi Giusti
Vota la ricetta!

Cos'è il Muos, come funziona e a cosa serve. E soprattutto, perché l'Italia sta ostacolando la sua costruzione in Sicilia, a Niscemi

Un caffè con Donna Moderna

Cos'è il Muos, come funziona e a cosa serve. E soprattutto, perché l'Italia sta ostacolando la sua costruzione in Sicilia, a Niscemi

Gli Stati Uniti e l'Italia si aspettano che il governo italiano risolva le questioni aperte con le autorità locali siciliane e giudiziarie per procedere con l'attivazione del Muos. Ne va della credibilità e dell'affidabilità internazionale di un alleato, che peraltro sta facendo molto nella lotta all'Isis, su un progetto che serve anche a Roma e a tutti i membri della Nato per garantire la stabilità della regione mediterranea.
Una sentenza della Cassazione ha confermato il sequestro del Muos, il contestato sistema di comunicazioni satellitari militari in costruzione in questo momento in Sicilia.

Che cos'è il Muos?
Muos è un acronimo inglese che sta per Mobile User Objective System. Si tratta di un sistema di alta tecnologia finanziato dagli Stati Uniti e messo a disposizione di tutti i paesi alleati dell'America.

Che scopo ha il Muos?
Verrà usato soprattutto per le comunicazioni e per il rapido trasferimento dei dati e delle informazioni necessarie per operazioni di difesa e di sicurezza (ad esempio nella lotta al terrorismo).

Com'è fatto il Muos?
Il Muos è composto da quattro satelliti e da quattro basi a terra, in maniera tale da coprire l'intero pianeta. Tre satelliti su quattro sono già in orbita e tre basi su quattro sono state già costruite: una si trova nelle Hawaii, una in Virginia, una in Australia e la quarta sarà quella che dovrà sorgere per l'appunto in Sicilia.

Perché viene contestato in Sicilia?
Come stabilito dagli accordi internazionali, firmati anche dal governo italiano, l'impianto siciliano dovrebbe sorgere nel comune di Niscemi (Caltanissetta) all'interno di una riserva naturale. La popolazione e i politici locali però sono da sempre fortemente contrari al progetto. Temono, citando gli studi scientifici del Politecnico di Torino, che le alte frequenze dei dispositivi possano causare danni alla salute e favorire la diffusione di tumori nella popolazione. Sull'effettiva pericolosità del Muos, ma più in generale delle radiazioni elettromagnetiche (fra cui rientrano anche quelle dei telefonini che usiamo ogni giorno), in realtà la comunità scientifica è spaccata. Altre ricerche (ad esempio quelle dell'Istituto Superiore di Sanità) sostengono che sotto una certa soglia non esistono prove dell'effettiva pericolosità delle radiazioni.

Perché il Muos è stato sequestrato?
Il Muos non è stato sequestrato per ragioni sanitarie ma ambientali. È stato costruito in una zona protetta dove non si può edificare nulla, comprese le attività militari. Secondo i giudici, dunque, la costruzione del Muos sta avvenendo senza rispettare le leggi italiane.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna