Prove Invalsi 2018: ecco il calendario e le novità

Credits: Shutterstock
/5
di

Lorenza Pleuteri

Tutte le informazioni sulle date dei test Invalsi e sulle novità. Da quest’anno, nelle scuole medie e nelle superiori, addio ai fascicoli cartacei: le verifiche si faranno al computer

La  macchina burocratica per la rilevazione degli apprendimenti degli studenti italiani, misurati attraverso le discusse prove Invalsi, si è messa in moto. L’Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione (Invalsi), così l’ente di ricerca si chiama per esteso, ha inviato ai dirigenti scolastici la circolare che elenca le novità della prossima tornata di test e fissa le date delle verifiche.

Le principali novità di quest’anno scolastico

Le prove si ampliano e si modernizzano, almeno negli strumenti. Non poche le  novità.

Uno. Per gli studenti di V elementare arriva la prova di inglese, predisposta per accertare le competenze ricettive (cioè comprensione della lettura e dell’ascolto di un test) e calibrata sul livello A1 del Qcer (quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue).

Due. Agli studenti di III media le prove di matematica e inglese (livello A2) saranno somministrate tramite computer (Cbt, cioè computer based testing) e dunque si svolgeranno online.

Tre. L’esecuzione delle prove Invalsi, sempre per gli studenti di III media, non sarà più a ridosso degli esami finali, dai quali è stata sganciata. I test online si faranno ad aprile, in più date comprese tra il 4 e il 21 oppure, nelle scuole campione, in una sola data dello stesso periodo. La valutazione Invalsi non inciderà sul giudizio conclusivo. Le prove  saranno comunque obbligatorie ai fini dell’ammissione agli esami per la licenza media.

Quattro. Anche le prove Invalsi per la II classe delle superiori, Italiano e matematica, saranno proposte ed effettuate online, tramite computer.

Ecco il calendario delle prove Invalsi 2018

Nelle scuole primarie, le “vecchie” elementari, le prove Invalsi si faranno con i tradizionali fascicoli cartacei e seguiranno questo calendario:

- 3 maggio 2018: prova d’inglese (V elementare);

- 9 maggio 2018: prova d’italiano (classi II e V) e prova preliminare di lettura (solo dalle classi campione della II elementare);

- 11 maggio 2018: prova di matematica (II e V elementare).

Queste le date per medie e superiori

Nelle scuola medie, cioè le secondarie di primo grado, le prove computer based si terranno in questi periodi:

- gli studenti delle classi III, come detto, sosteranno le prove di italiano, matematica e inglese in un arco di giorni compresi tra il 4 e il 21 aprile 2018;

- i coetanei delle scuole campione avranno a disposizione un giorno solo, sempre ad aprile;

- i ragazzi delle classi II delle superiori, le scuole secondarie di secondo grado, affronteranno  le prove di italiano e matematica (e compileranno il questionario dello studente) tra il 7 e il 19 maggio 2018.

Le date precise all’interno delle fasce indicate, legate alla messa a punto della piattaforma informatica e dei protocolli di somministrazione delle prove, saranno comunicate in tempo utile.

Dove e quando trovare esempi e simulazioni

Entro il 31  gennaio 2018 l’Invalsi renderà disponibile sul sito ufficiale (invalsi.it) esempi di prove e simulazioni per la V elementare (inglese,) per la classe III delle medie (italiano, matematica e inglese) e per la II superiore (italiano e matematica).

Rinviate le prove per i maturandi

Il varo delle prove Invalsi per la V superiore è stato posticipato, rinviato al prossimo anno scolastico (2018-2019). I test  saranno introdotti insieme alle nuove regole per la maturità.  Il nuovo esame di Stato avrà solo due prove scritte e un colloquio orale. Lo svolgimento delle attività di alternanza scuola-lavoro diventerà un requisito per l’ammissione, così come i test Invalsi di italiano, matematica e inglese. Lo scritto, per l’Istituto di valutazione, avrà carattere nazionale e sarà effettuato durante l’anno scolastico. Non farà dunque parte dell’esame di maturità e non si terrà nemmeno a distanza ravvicinata.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te