del

Nasce il Servizio Civile Universale: ecco come funziona

di Oscar Puntel

Si potrà svolgere in enti del Terzo settore, anche in altri Paesi europei. Durerà dagli 8 ai 12 mesi. Un'opportunità per tanti nostri ragazzi. 135mila, i posti già assegnati per il 2016. Presto un bando per altre 4mila posizioni

Un caffè con Donna Moderna

Si potrà svolgere in enti del Terzo settore, anche in altri Paesi europei. Durerà dagli 8 ai 12 mesi. Un'opportunità per tanti nostri ragazzi. 135mila, i posti già assegnati per il 2016. Presto un bando per altre 4mila posizioni

La Camera ha approvato in via definitiva la legge che istituisce il Servizio Civile Universale. Una riforma che si attendeva da circa due anni. Cambia, così, quello che in passato conoscevamo come Servizio civile nazionale. Vediamo quali novità introduce.

Che cosa è il Servizio civile?

E' la possibilità, offerta ai giovani che ne fanno richiesta, di svolgere un'esperienza di volontariato. L'obiettivo è "la difesa non armata della Patria" con attività di solidarietà, inclusione sociale, cittadinanza attiva, tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, paesaggistico e ambientale, sviluppo della cultura dell’innovazione e della legalità; realizzazione della cittadinanza europea e della pace tra i popoli. La legge parla di "difesa non armata della Patria" perché le attività non implicano l'uso di armi o strumenti di violenza. I nostri ragazzi non andranno alla guerra, ma saranno impiegati in attività del "Terzo settore", ovvero in quegli enti e istituzioni no-profit che in Italia, nel loro complesso, rappresentano il 4% del Prodotto interno lordo.

Chi può fare la domanda?

Tutti i ragazzi dai 18 ai 28 anni, italiani e anche stranieri purché risiedenti da almeno 5 anni nel nostro paese. La grande novità della riforma è il suo carattere "universale": a tutti è offerta la possibilità di accesso ai bandi. Quest'anno hanno presentato la loro domanda in circa 160mila (nel 2015 erano stati 90mila), a fronte 135mila posti. Presto verranno emanati bandi per altri 40mila posti. Un commissione assegna i candidati alle diverse posizioni, sulla base delle capacità e delle inclinazioni personali. I bandi escono solitamente nei primi mesi di ogni anno. In primavera avvengono le selezioni. Con l'estate, cominciano le attività.

Che cosa si fa?

Non è un lavoro: la legge lo dice chiaramente. E' più un'esperienza altamente formativa: può aiutare i ragazzi a imparare a rapportarsi agli altri, a gestire situazioni di stress, a collaborare con le altre persone, a risolvere situazione problematiche ed emergenze. Insomma, aiuta a sviluppare delle competenze che possono andar bene un domani, anche nel mercato del lavoro

Si viene pagati?

Sì: 433,80 euro netti al mese. Nulla cambia rispetto al Servizio civile nazionale, però, per chi farà servizio all'estero, si prevede un'ulteriore indennità economica per coprire le spese di trasferta.

Quanto dura?

Dagli 8 ai 12 mesi. Prima si prestava servizio per un anno intero. Altra novità: due mesi dovranno essere trascorsi in un altro Paese europeo o in un'altra regione. L'idea è creare un servizio civile europeo, favorire gli scambi, aumentare le competenze linguistiche.

Che vantaggio porta sul Curriculum Vitae?

Il servizio svolto potrà comportare crediti scolastici, utilizzabili nei percorsi di formazione e in ambito lavorativo.

Chi gestisce il Servizio civile?

Se ne occupa il Dipartimento per la gioventù e il servizio civile nazionale, che dipende direttamente dalla Presidenza del Consiglio dei ministri.

Da quando esiste il servizio civile in Italia?

Dal 1972. In Italia avevamo la leva obbligatoria e i diciottenni erano obbligati prestare servizio militare per 12 mesi. In quell'anno venne riconosciuta il diritto all’obiezione di coscienza: la possibilità di non 'partire' per la leva, per motivi morali, religiosi e filosofici. Venne istituito quindi il servizio civile, come sostitutivo del servizio militare. Con la fine della naja, nel 2001, nasce il Servizio Civile Nazionale, attività di volontariato destinate ai giovani dai 18 ai 26 anni e aperte anche alle donne.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna