Cerchi lavoro? Ecco le fiere per trovarlo

  • 1 5
    Credits: aNSA

    1. Decidi subito a chi proporti

    La prima grande opportunità di una job fair è la possibilità di incontrare, in una situazione più informale, i responsabili delle aziende. «E di superare lo scoglio principale di chi cerca lavoro: presentarsi di persona e assicurarsi che il proprio cv sia letto e non cestinato» spiega Franco Chiaramonte, direttore della fiera IoLavoro di Torino. «Ma i giorni a disposizione sono pochi e devi mettere in conto le code agli stand. Per questo ti conviene selezionare prima online le imprese a cui vuoi proporti in base ai profili che cercano».

  • 2 5
    Credits: Ansa

    2. Segui i seminari delle società

    Alcuni grandi brand, prima dei colloqui, fissano degli incontri pubblici per farsi conoscere e spiegare quali profili cercano. «Alle società servono per non perdere tempo con candidati distratti finiti al colloquio sbagliato» continua Chiaramonte. A te, invece, fanno gioco per capire come presentarti, come “funziona” quell’impresa, come vuole che sia scritto il cv, quali competenze richiede. E puoi fare domande per chiarirti le idee prima dei colloqui».

  • 3 5
    Credits: Ansa

    3. Preparati per gli speed date

    Ci sono aziende e agenzie per il lavoro che, oltre ad accogliere i cv, intervistano i candidati direttamente nello stand. Alcune fanno una preselezione online. Altre, soprattutto quelle che cercano figure nel settore turistico e ricettivo, svolgono colloqui liberi. Il tempo è poco e i candidati tanti, quindi devi prepararti come se fosse uno speed date.

    «In dieci minuti è importante che presenti te stessa e le tue esperienze in modo chiaro, diretto ed efficace» consiglia Enza Ferrara, recruiter e responsabile dell’Ufficio risorse umane dei villaggi turistici Bluserena. «Cerca di fare emergere la motivazione alla base della candidatura e la corrispondenza con il profilo cercato». Magari studia prima un discorso di un paio di minuti, così lasci spazio per le domande.

  • 4 5
    Credits: Olycom

    4. Presenta il tuo business plan

    In fiera non trovi solo aziende ma anche sportelli delle Camere di commercio, incubatori, associazioni ed enti che aiutano le imprese. «In genere ci sono consulenti disposti a dare un’occhiata a un business plan e a offrire indicazioni su come cercare fondi e partner» assicura Chiaramonte.

    «Esplora anche l’area dei franchising: potresti scoprire di poter dare vita a un bel progetto nel tuo settore con un investimento limitato».

  • 5 5
    Credits: Olycom

    3 CONSIGLI CHE FANNO LA DIFFERENZA

    ● Porta il curriculum in versione cartacea ed elettronica. Molte  fiere offrono un servizio di cv check: gli esperti lo leggono e ti  spiegano come migliorarlo o personalizzarlo. Se lo tieni su una  chiavetta Usb, lo modifichi, lo stampi nelle aree del cv check e l’hai  subito pronto.
    ● Fai un giro nell’area formazione. Ti serve anche se hai già laurea, master e specializzazioni. Perché  trovi corsi brevi e mirati a ottenere in poco tempo le competenze che ti  mancano per il lavoro che stai cercando.
    ● Trova il tempo per un workshop. Durante le fiere si tengono seminari che affrontano tanti temi, dalla  creazione di impresa a come sfruttare le soft skill (la capacità di  negoziare o prendere decisioni). Prenota online quelli che ti  interessano.

/5
di

Isabella Colombo

I saloni che orientano i giovani all’impiego sono un’ottima occasione per farsi conoscere, sostenere colloqui, dare alle aziende il curriculum. Ma per fare colpo bisogna prepararsi. Così

Cinquecento espositori a Job&Orienta, 6.000 visitatori a Jobbando, 15.000 colloqui a IoLavoro (dove il 25 per cento di candidati che ha partecipato ha davvero trovato un impiego). Le fiere di orientamento in Italia sono gettonatissime. «Rappresentano il tassello mancante tra il mondo della scuola e quello delle aziende» spiega Stefano Quaglia del comitato organizzatore di Job&Orienta. «Tra gli stand si può testare la propria formazione, capire cosa vuole chi cerca impiegati e collaboratori, trovare i corsi giusti per affinare le proprie competenze e scoprire come muoversi quando si va in cerca di un contratto o di un finanziamento».

Ecco perché sono occasioni da non perdere. Qui ti spieghiamo come sfruttarle al meglio.

5 APPUNTAMENTI DA NON PERDERE

● IOLAVORO Chi è specializzato nei settori turistico, alberghiero, ristorazione, distribuzione e commercio, agroalimentare qui incontra Ikea, Lavazza, Club Med, I Grandi Viaggi, Banca Sella e tanti altri. Ci sono anche i Servizi per l’impiego francesi e i referenti della rete Eures, il portale europeo della mobilità professionale.
Si tiene a Torino dal 6 all’8 aprile (iolavoro.org).
● JOBMEETING Se cerchi lavoro nel settore ingegneristico ed economico, puoi contattare le aziende che cercano profili specializzati, da Lidl a Tim, insieme alle migliori scuole business, da quella del Sole 24Ore alla Luiss. Segna queste date: 14 aprile Catania, 3 maggio Roma, 25 maggio Bari, 15 giugno Bologna (jobmeeting.it).
● CAREER DAY CATTOLICA Vuoi lavorare nel no profit? Qui trovi da Greenpeace a Save the Children. L’area legale è ben fornita e ospita i migliori studi milanesi. Non perdere il training point dove puoi esercitarti con le simulazioni dei colloqui. A Roma il 12 maggio, a Milano il 13 ottobre e a Piacenza il 15 novembre (careerdaycattolica.it).
● JOBBANDO Spazia tra diversi settori: assicurazioni, moda, gastronomia, informatica. E offre servizi utili, come il laboratorio interattivo dove sperimentare i mestieri e quello inglese per scrivere il cv e preparare i colloqui in lingua. A Firenze il 21 e 22 settembre (jobbando.org).
● JOB&ORIENTA A questo salone puoi farti un’idea precisa dei profili più ricercati attualmente (soprattutto nell’area green e digitale), seguire i corsi sull’autoimprenditorialità e proporti per tirocini formativi negli stand dedicati, come quelli di Sportello Stage e Manpower. A Verona dal 24 al 26 novembre (joborienta.info).

Tag:
Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te