La finanza etica? La studio con il MOOC

/5

Finalmente il MOOC tanto atteso è arrivato. Infatti, il 19 Aprile - per cinque settimane – prenderà il via il corso online “Just Money: Banking as if society mattered” offerto in collaborazione dal Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston e il Global Alliance for Banking on Values (network mondiale di banche orientate alla sostenibilità, di cui Banca Etica è parte quale unico istituto di credito italiano). L'obiettivo del corso è quello di introdurre e spiegare il funzionamento di banche “differenti” che, usando il loro ruolo di intermediari finanziari, sostengono e promuovono processi di innovazione, inclusione e sostenibilità nella nostra società.

Facciamo però un piccolo ripasso. I MOOC (Massive Open Online Curses) sono corsi aperti e disponibili in rete, pubblicati dalle più importanti università del mondo sulle tematiche più disparate. Nell'ultimo post targato FRED, Elena vi ha illustrato le piattaforme più famose a cui si accede con una semplice registrazione. Indubbiamente l'avvento dei MOOC sta cambiando l'idea della formazione e riqualificazione. Contenuti di alta qualità veicolati in maniera gratuita e accessibile, è questo anche il caso del corso offerto dal MIT sulla finanza etica. Ma perché tanto entusiasmo?

Ok, è vero. Parte di questo entusiasmo è dovuto alla mia deformazione professionale. Mi occupo di economia, finanza e impresa sociale: impazzire per un MOOC di finanza etica è più che normale. Molto del mio entusiasmo, però, deriva dal fatto che viene finalmente portata alla ribalta una realtà che è sotto ai nostri occhi e che sta cambiando la nostra società.

Quando si pensa alla finanza e alle banche, non si può fare a meno di pensare a qualcosa di negativo. Tuttavia è innegabile il ruolo di “acceleratore” dell'economia delle banche: servono a farla funzionare. Così come le decisioni finanziarie sono sempre cruciali e capaci di ripercussione socio-politiche non indifferenti. Di cosa parliamo, allora, quando parliamo di finanza etica?

La finanza etica è un tipo di finanza che mette al centro la persona umana. Così accanto a parametri tradizionali, quali rendimento e rischio, viene preso in considerazione anche l'impatto delle attività finanziare sull'economia reale. Con trasparenza e partecipazione, le banche orientate alle sostenibilità perseguono il benessere collettivo. Questo approccio alla finanza, mira a un cambiamento valoriale di fondamentale importanza. Le attività svolte da banche orientate alle sostenibilità mostrano proprio il ruolo positivo che la finanza può svolgere. Mettendosi a servizio di un'economia inclusiva e sostenibile, la finanza etica promuove il cambiamento sociale.

Ma quali sono le origini di tale approccio? Lo sviluppo di un nuovo modo di concepire la finanza si deve senza dubbio all'economista Premio Nobel Amartya Sen e al "banchiere dei poveri" Muhammad Yunus, Premio Nobel per la pace. Il primo teorizzava nessi tra l'economia e l'etica, sviluppando l'idea delle "capabilities". Sen, infatti, sosteneva che il ruolo attivo e partecipativo degli uomini e delle donne nella società dipendeva dalle opportunità che era possibile sviluppare. Proprio l'idea delle capabilities permetterà a Yunus di coniare il concetto di credito come diritto. Dove per diritto al credito si intende il livello di fiducia di una società. Fiducia che si traduce in accesso al credito funzionale allo sviluppo delle possibilità i soggetti con scarsi mezzi.

Il MOOC offerto dal MIT vuole essere un tour guidato per chi non ha una formazione economica e vuole, però, contribuire allo sviluppo di una finanza più umana.

Valentina Patetta
C to Work, terza edizione

Tag:
Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te