del

Attentato a Istanbul: perché Isis colpisce la Turchia?

di Oscar Puntel
Vota la ricetta!

Le fonti investigative confermano la pista del Califfato. Il terrorismo colpisce l’aeroporto, struttura considerata super sicura per dimostrare che il paese in realtà è vulnerabile.

Un caffè con Donna Moderna

Le fonti investigative confermano la pista del Califfato. Il terrorismo colpisce l’aeroporto, struttura considerata super sicura per dimostrare che il paese in realtà è vulnerabile.

Un nuovo attentato terroristico ha colpito la Turchia. Alle 22 (ore locali) di martedì 28 giugno, almeno 3 terroristi armati di kalashnikov hanno aperto il fuoco ai controlli di sicurezza nella zona degli arrivi dell'aeroporto Ataturk, a Istanbul. Si contano almeno 36 morti e 147 feriti. Poco dopo, si sono fatti saltare in aria durante uno scontro a fuoco con la polizia. Le indagini puntano dritte verso l’Isis. Dall’inizio dell’anno è il terzo atto terroristico che la città turca subisce. Da un anno a questa parte, sono già morte circa duecento persone. Perché è successo? Che cosa sta accadendo in Turchia?

Perché l’Isis ce l’ha con la Turchia?

Valeria Talbot, ricercatrice dell’Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale: “Fino all’estate del 2015, il governo di Ankara ha avuto un atteggiamento abbastanza morbido nei confronti dell’Isis. La Turchia faceva passare attraverso le sue frontiere i foreign fighters, i combattenti stranieri dello Stato Islamico, che dall’Europa raggiungevano l’Iraq e la Siria proprio per combattere la causa del Califfato: la creazione di un loro proprio Stato. I turchi lasciavano fare perché a loro faceva gioco: l’Isis, passando attraverso i confini con la Siria, fermava l’avanzata della popolazione Curda, che vuole una sua regione autonoma. Ma questa è diventata una strategia pericolosa. Da luglio del 2015, La Turchia ha aderito attivamente alla coalizione a guida Usa per combattere l’avanzata dello Stato Islamico: da quel momento è cominciata una lotta al terrorismo del governo di Ankara. Quindi, l’atteggiamento morbido è venuto meno e come rappresaglia anche la Turchia è diventata terreno di scontro e di attacchi da parte delle milizie del Califfato”

Ma l’Isis ce l’ha anche con i turisti? Perché ha colpito l’aeroporto?

Ancora Talbot: “Le due ragioni sono due. La prima: per dimostrare che la Turchia è vulnerabile in quello che viene considerato uno dei luoghi più sicuri. L’aeroporto Ataturck ha infatti standard di sicurezza molto elevati: è uno dei luoghi più controllati del paese. La seconda: si è voluto colpire il paese attaccando una sua struttura nevralgica. Quello scalo è un hub internazionale, per scambi commerciali da e per l’Europa, da e per l’Asia. Nel mirino: il turismo, ma soprattutto l’economia di un paese”.

Perché Isis attacca la Turchia, un paese comunque musulmano?

“Lo Stato Islamico non fa differenza fra non-musulmani e musulmani che fanno accordi con quelli che considerano “infedeli”. Per il Califfato sono nemici anche quei musulmani che hanno rapporti o relazioni con noi”, ci dice l’esperta.

Sappiamo che oltre al fronte con l’Isis, c’è anche una guerra interna in Turchia, quella che il governo sta conducendo contro i Curdi, che appunto vorrebbero un proprio Stato.

“Le tensioni continuano: il sud del Paese è in uno stato di guerra civile. Ci sono interi quartieri in città che sono terreno di scontro fra le forze di sicurezza di Ankara e i separatisti curdi. La questione è ancora dolorosamente aperta”

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna