Perché Hillary Clinton ha perso le elezioni

Credits: Ansa
/5
di

Cristina Sarto

Poteva diventare il primo presidente donna degli Stati Uniti, invece Hillary Clinton non ce l'ha fatta: il nostro racconto a caldo da New York di una delusione cocente

Alle 2.40 della notte tra l'8 e il 9 novembre arriva l’annuncio ufficiale: Donald Trump è il 45esimo presidente degli Stati Uniti.

Due minuti dopo, sul palco del quartier generale repubblicano, il primo uomo a conquistare la Casa Bianca senza aver mai ricoperto un incarico politico parla alla nazione. «Mi ha appena chiamato il Segretario di Stato Hillary Clinton per farmi i complimenti. Grazie a lei per aver combattuto così duramente in questa campagna elettorale e per aver servito a lungo il nostro Paese».

Un risultato storico, che ha ribaltato i pronostici che fino a poche ore fa davano la candidata democratica in vantaggio, seppur di poco. Una sconfitta bruciante anche per il presidente uscente Barack Obama, che negli ultimi giorni era sceso in campo al fianco di Hillary.

Donald Trump, sotto gli occhi adoranti della moglie Melania e della figlia prediletta, Ivanka, ha provato a essere conciliante. «È il momento di superare le divisioni, Democratici e Repubblicani, e di essere un popolo solo. Ho passato la mia vita da imprenditore a cercare il potenziale delle persone, adesso lo farò per il mio Paese. I dimenticati d’America, da oggi non lo saranno più».

Donald Trump non ha solo conservato le roccaforti repubblicane: ha saputo convincere gli swing state, i cosiddetti stati in bilico, come Florida e Ohio. Per Hillary, tradita dal voto delle donne bianche non laureate, che non hanno badato alle ripetute uscite sessiste di Trump, è una disfatta cocente. Resta asserragliata nella suite del Peninsula Hotel di Manhattan, a due passi dal centro congressi in cui avrebbe dovuto festeggiare una vittoria che pensava di avere in pugno. Dopo la lunga attesa, i suoi sostenitori sono in lacrime. A New York, metropoli dalla lunga tradizione democratica, regna il silenzio della delusione. Per vedere la prima donna alla Casa Bianca, bisognerà aspettare ancora.


Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te