Nucleare o rinnovabili? Fukushima insegna

Credits: Shutterstock
/5
di

Luca Mercalli

Un'opinione di:
Climatologo, direttore della rivista “Nimbus”, presiede la Società Meteorologica Italiana....

È meglio l'energia nucleare o l'energia rinnovabile? Per rispondere a questa domanda basta vedere cosa è successo a Fukushima. Sono trascorsi sei anni da quando lo tsunami  danneggiò la centrale nucleare e, in quell'area, ci sono ancora molti problemi aperti.

I tre reattori andati in fusione sono ancora così radioattivi da uccidere qualsiasi essere vivente istantaneamente. Perfino i robot inviati per ispezionarli cessano di funzionare dopo poche ore. La parziale bonifica è già costata centinaia di milioni di euro e non si sa come gestire il milione di metri cubi di acqua radioattiva accumulata in cisterne.

Circa 123.000 persone sono state evacuate dalla regione e 600.000 edifici dovranno essere lavati con idropulitrici. Su 120.000 ettari di territorio si dovranno asportare i primi 5 cm di suolo, stoccando oltre 22 milioni di tonnellate di rifiuti pericolosi in due centri a Futaba e Okuma.

Alberi, pesci e uccelli rimarranno contaminati per decenni. Insomma, per l'ambiente è un disastro: meglio le energie rinnovabili.

Cosa ne pensi? Scrivi a dilatua@mondadori.it

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te