del
Dagli utenti
utente

Un taxi rosa… in Iran

di Roberto Moliterni
Vota la ricetta!

Donne al volante pericolo costante? Non è affatto vero. Almeno in Iran, dove esiste una compagnia di taxi di sole donne che tutti vogliono prendere.

Un caffè con Donna Moderna

Donne al volante pericolo costante? Non è affatto vero. Almeno in Iran, dove esiste una compagnia di taxi di sole donne che tutti vogliono prendere.

Le donne non sanno guidare. Noi uomini ce lo ripetiamo continuamente. «Guarda, guarda quella» ci diciamo quando siamo in macchina solo fra maschi, tutti esaltati d'averle colte in flagrante a fare il pelo a uno specchietto. «Non sanno proprio guidare» ci ripetiamo compiaciuti, perché noi invece, quanto a guidare, lo sappiamo fare benissimo.

Certe volte, quando abbiamo niente da fare, ci appoggiamo con le braccia sulla ringhiera del balcone e aspettiamo col piglio d'uno spettatore sadico che quel parcheggio piccolo piccolo fra un SUV e una station wagon che vediamo là sotto sia proprio una donna ad affrontarlo. Lo capiamo subito se è un uomo o una donna a parcheggiare dal numero di manovre e dalla geometria delle stesse. Se è un uomo le manovre si contano sulle dita di una mano e per la geometria basta quella euclidea, se invece è una donna allora bisogna ricorrere all'algebra e agli occhialetti 3D. Di questo, noi uomini appoggiati con le braccia sulle ringhiere dei balconi, siamo sicuri.

Eppure... l'altro giorno ho visto un documentario che si chiama Nel vecchio autobus sulla della seta in cui si raccontava di una compagnia di taxi rosa in Iran, composta cioè da sole donne.

All'inizio, anche laggiù, gli uomini le prendevano in giro, specie quando le trovavano alle pompe di benzina per fare rifornimento.


Iran, 2013. Un collega tassista di sesso maschile al lavoro.

Ma alla fine si sono dovuti ricredere: la compagnia di taxi fatta da sole donne in cui nessuno credeva ha avuto un successo inaspettato, nonostante le limitazioni (cioè di non poter caricare gli uomini e di lavorare di notte). Molte donne che devono prendere un taxi, per esempio per andare  a prendere i figli da scuola, le preferiscono ai colleghi maschi, perché guidano meglio, più piano e soprattutto non ascoltano musica da discoteca a tutto volume.

A fine mese, riescono a guadagnare fra i 300 e i 500 euro al mese, quando la media è di circa 250 euro. Insomma, le donne iraniane al volante sono senza dubbio migliori degli uomini.

Ma questo, noi uomini appoggiati con le braccia sulle ringhiere dei balconi non lo ammetteremo mai. Nemmeno quando, dalla macchina che si è infilata con una sola manovra fra il SUV e la station wagon, vedremo uscire una donna.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna