del

Mario Balotelli “sposa” Fanny. E mi ha fregato anche questa volta

di Maurizio Dalla Palma
Vota la ricetta!

Con il campione della Nazionale italiana la sorpresa è dietro l'angolo. Crisi di nervi, incidenti d'auto, gol sontuosi. E adesso un matrimonio celebrato alla vigilia dei Mondiali in Brasile. Finito qui?

Un caffè con Donna Moderna

Con il campione della Nazionale italiana la sorpresa è dietro l'angolo. Crisi di nervi, incidenti d'auto, gol sontuosi. E adesso un matrimonio celebrato alla vigilia dei Mondiali in Brasile. Finito qui?

Maurizio dalla Palma
Un'opinione di

Maurizio Dalla Palma

Giornalista di Grazia, ha lavorato anche a Donna Moderna, alla tv dell’Unione Europea,...

Mario Balotelli mi spiazza sempre, come fa con i portieri quando calcia i rigori.

Parte per i Mondiali e io mi chiedo: quale tiro mancino ci riserverà, questa volta?

Questa volta Mario ha chiesto alla fidanzata Fanny Neguesha di sposarlo. La notizia è stata data dalla showgirl belga su Twitter, rendendo pubblico il fatidico "sì" (ha fatto in fretta, meglio non fidarsi di quel “marinaio”). E i compagni della Nazionale italiana hanno accolto con un applauso Mario sul campo d’allenamento. Il calciatore, dicono i giornalisti in Brasile, era commosso ed emozionato.

Commosso ed emozionato lui, che ne ha fatte di ogni. Ed è per questo che lo tengo d’occhio: perché ti sorprende a ogni passo. L’emozione o la ragazzata sono sempre dietro l’angolo.

Lui è quel Mario Balotelli che agli Europei del 2012 corre a fine partita ad abbracciare la mamma adottiva seduta tra il pubblico: la donna che lo ha cresciuto da quando era bambino. La foto di quell’abbraccio sembra un quadro rinascimentale con la Madonna: vedi la mano pallida della madre sulla testa di un figlio difficile, imprevedibile, ribelle, che sicuramente l’ha fatta soffrire. Eppure affettuoso e indiscutibilmente italiano nel suo correr dalla mamma.

È quel Balotelli che getta a terra la maglia della sua squadra con rabbia (una cosa da non fare mai) in un momento indimenticabile, alla fine di una partita in cui l’Inter, per cui Mario giocava, batte l’invincibile Barcellona. Tutti fanno festa, tranne lui: che matto!

È il Balotelli che fa la pirlata di sparare con una pistola ad aria compressa ai piccioni in centro a Milano: lui, abituato alle platee internazionali, si diverte come un adolescente.

E abbiamo sentito del Balotelli che distrugge in un incidente l’auto di grossa cilindrata, rischiando di rovinare la carriera; che getta le freccette acuminate di un pub inglese contro altri calciatori; che organizza un party con quattro escort; che litiga con l’unico allenatore che lo vuole con se,  quel Roberto Mancini che si proponeva di “raddrizzarlo” come fa un padre con un figlio scapestrato.

C’è anche il Mario Balotelli che concepisce una bimba con l’ex fidanzata, Raffaella Fico, e riconosce la paternità solo dopo il test del Dna.

E non dimenticheremo mai il campione che mette ko la Germania con due gol sontuosi, l’ultimo accompagnato dalla famosa posa da wrestler con i muscoli in evidenza e un volto che esprime di tutto: orgoglio, rivalsa, liberazione. Anche dai cori razzisti che i calciatori di colore devono subire negli stadi italiani.

La settimana scorsa il centravanti decolla per i Mondiali e io mi metto in modalità “attesa”: so che prima o poi qualcosa succederà.

E la sorpresa arriva subito: Balotelli sposa Fanny e mette la testa a posto. Almeno per il momento.

Sì, mi hai fregato ancora una volta, Mario. E, da uomo che fa una vita normale e prevedibile, trovo irrinunciabile la tua guasconeria.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna