del

Brexit e Brimain: le star si dividono

di Alessia Sironi

I britannici, si sa, non sono così abituati ad esporsi pubblicamente su questioni personali (o politiche). Ma questa volta c’è in ballo un voto che cambia il futuro della Gran Bretagna. E allora attori e attrici, scrittori, artisti e registi si schierano. Scopri chi vota 'sì' e chi invece è per il 'no'.

Un caffè con Donna Moderna

I britannici, si sa, non sono così abituati ad esporsi pubblicamente su questioni personali (o politiche). Ma questa volta c’è in ballo un voto che cambia il futuro della Gran Bretagna. E allora attori e attrici, scrittori, artisti e registi si schierano. Scopri chi vota 'sì' e chi invece è per il 'no'.

Ci siamo. Giovedì 23 giugno i sudditi di Sua Maestà dovranno decidere se votare 'No' e uscire dall'Unione Europea oppure 'Sì' e restare con Bruxelles.

Sappiamo tutti quanto per gli inglesi contino i bookmaker e i sondaggi: secondo fonti autorevoli come il Times e l'Observer, il Paese sarebbe perfettamente spaccato in due, con un lievissimo vantaggio del fronte del 'Sì' sostenuto, tra gli altri, dal premier David Cameron (che però ha fatto immediatamente sapere che non ha nessuna intenzione di 'abdicare' al ruplo di Primo Ministro in caso di perdita). Il risultato del voto, secondo i bookmaker, sarebbe 44 a 43 per il 'Sì'.

E intanto, negli ultimi giorni, anche celebrity del calibro dell'ex calciatore David Beckham, o attori come Keira Knightley, Emma Thompson, Liz Hurley, Jude Law, solitamente fuori dal contesto politico, si sono schierati.

David Beckham, ad esempio, ha pubblicato un post sul suo profilo Facebook, poi rilanciato anche su Twitter e Instagram, in cui ha scritto di essere contrario all’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea: L'ex calciatore ha sottolineato come nella sua carriera ha avuto la possibilità di giocare a Madrid, Milano e Parigi, tre grandi città europee in cui, con la sua famiglia, è stato sempre accolto molto bene, e di aver giocato insieme a molti altri calciatori stranieri, europei o extracomunitari. "Successi ottenuti nel passato con la squadra inglese sono stati possibili anche grazie ai molti calciatori europei presenti in squadra", scrive Beckham.


Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna