del
Dagli utenti
utente

Maria De Filippi: 20 anni di successi tv

di Flora Casalinuovo
Vota la ricetta!

Non è sexy, ha la voce rauca e un carattere freddo. Eppure, fin dal debutto (il 26 settembre 1992), Maria De Filippi ha conquistato gli spettatori. Al punto da essere l’unica a battere in ascolti la Nazionale di calcio. Come ci riesce? Leggete qui

Un caffè con Donna Moderna

Non è sexy, ha la voce rauca e un carattere freddo. Eppure, fin dal debutto (il 26 settembre 1992), Maria De Filippi ha conquistato gli spettatori. Al punto da essere l’unica a battere in ascolti la Nazionale di calcio. Come ci riesce? Leggete qui

Sabato 26 settembre 1992, classico pomeriggio d’autunno. Su Canale 5, sguardo a metà tra il duro e l’intimorito, Maria De Filippi esordisce alla guida di Amici. Piccola parentesi per i teenager che oggi non ne perdono una puntata, ma che all’epoca non erano ancora nati: all’inizio era un talk show per adolescenti, solo dopo è diventato il talent di Marco Carta, Alessandra Amoroso, Emma Marrone... Ma torniamo alla debuttante Maria. I buoni la etichettano come la “sostituta” di Lella Costa, che aveva condotto il talk show l’anno prima. Gli spietati la liquidano come “la raccomandata”, in quanto compagna di Maurizio Costanzo (che ha conosciuto a un convegno nel 1989 e sposerà nel 1995). I più si stupiscono. Zero sex appeal, voce rauca, modi freddi: che ci farà mai in tv... Eppure, contro ogni pronostico, quel giorno nasce il “fenomeno De Filippi”: 20 anni in video e audience da record. Sapete che è l’unica a superare in ascolti la Nazionale di calcio? Maria ribalta addirittura i ruoli in famiglia. Oggi non è più lei “la moglie di”, ma quasi quasi è Costanzo a essere diventato “il marito della De Filippi”. Certo, resta la domanda di fondo: qual è il segreto di questo successo su cui non scommetteva nessuno? «È l’interprete perfetta della neo-televisione, che non rispecchia il mondo, ma lo fabbrica con il suo delirio di onnipotenza» spiega Giorgio Simonelli, docente di Storia della radio e della televisione all’università Cattolica di Milano. «La De Filippi seleziona talenti, regala l’amore, fa litigare e poi riconcilia. Una “dea ex machina”, che scatena gli avvenimenti in diretta. Ma mentre i colleghi lo fanno con irruenza, lei mostra sobrietà e rigore. Ricordate Carràmba! Che sorpresa? È il papà degli show che oggi chiamiamo “alla De Filippi”. Quanto Raffaella Carrà era viscerale e folcloristica, Maria è posata, quasi asettica. Tutti pensano che sia il suo carattere, in realtà ogni mossa è studiata: ad Amici e C’è posta per te lei fa la regista e lascia il ruolo da protagonisti ai concorrenti e al pubblico». Pensare che da piccola Maria voleva diventare benzinaia («perché si guadagna tanto»). E invece ha cambiato il linguaggio del piccolo schermo. «A partire dalla voce, roca e bassa, che ha trasformato da difetto a marchio di fabbrica» nota Simonelli. «Usa pause e silenzi per far capire che riflette insieme agli spettatori e non giudica. Presenta seduta, in mezzo al pubblico, per far sentire alla gente che è una di loro».
«Non a caso l’ho definita “la burattinaia dei poveri cristi”» sostiene Aldo Grasso, critico televisivo del Corriere della Sera. «E non me ne pento. I personaggi delle sue trasmissioni le affidano le loro esistenze e lei le pilota, portando in scena una triste commedia umana. Le riconosco un merito: intuisce ciò che desidera la gente. Dieci anni fa era il momento di machi e lifting? Ha tirato fuori dal cilindro Costantino Vitagliano. Siamo un paese di anziani? Porta gli over 70 a Uomini e donne. La società ha capito di avere perso i valori e vuole riportare in auge la meritocrazia? Ecco la scuola di talenti di Amici».
Cambiano i programmi, cambia anche il look. «A inizio carriera la De Filippi si infagotta in tailleur bon ton stile regina Elisabetta per darsi un tono, per dimostrare di essere credibile a quanti le davano della raccomandata» commenta la fashion guru Carla Gozzi, ora alla guida di Guardaroba perfetto (da lunedì a venerdì alle 15 su Real Time). «Poi opta per uno stile androgino, con jeans, pantaloni di pelle e stiletti fetish. Sa di non essere bella, quindi si costruisce un’immagine forte, diversa da quella delle colleghe. Negli ultimi tempi si ammorbidisce con abiti più alla moda. Ma non si lega a una griffe, anzi, sceglie i vestiti da sola. Secondo me, però, alle donne piace soprattutto per la gestione low profile della sua vita: niente scandali, poche foto paparazzate e l’adozione del figlio Gabriele, oggi 23enne, conquistata lontano dai riflettori».
Sarà. Ma questo non aiuta a fare luce sul mistero De Filippi. Che ha perfino dato il titolo a un libro: Il mistero di Maria (Mimesis), di Salvatore Patriarca. «Di solito, analizzando la De Filippi ci si sofferma su tronisti, ballerini e cantanti. Invece bisogna studiare lei» dice l’autore. «Come inchioda le persone alla tv? Facendo rivivere loro le varie fasi della vita. Le riporta ai tempi della crescita e della formazione con la scuola di Amici. Le getta nell’arena della vita e dell’amore a Uomini e donne. Regala la speranza del perdono e della riappacificazione a C’è posta per te. Così il pubblico si rasserena, felice di partecipare a questa speciale terapia di gruppo. Inoltre la De Filippi ha stravolto l’immagine femminile in televisione, ha offuscato la fisicità per dare risalto alla sua voce e all’anima: una rivoluzione. E per compierla ci vogliono intelligenza e furbizia».

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna