del

I tennisti più sexy di Wimbledon 2016

di Alessia Sironi
I tennisti più sexy di Wimbledon 2016 1 - 5.00/5

Mentre per decretare il vincitore del torneo più trendy e glamour di sempre ci vogliono ore di fatica e sudore, noi abbiamo impiegato meno tempo per stilare la classifica dei giocatori più belli.

Un caffè con Donna Moderna

Mentre per decretare il vincitore del torneo più trendy e glamour di sempre ci vogliono ore di fatica e sudore, noi abbiamo impiegato meno tempo per stilare la classifica dei giocatori più belli.

Wimbledon è da sempre il torneo di tennis più glamour della storia, non solo inglese. I protagonisti non sono solamente i giocatori che si sfidano sul prato verde perché, tra sudore, racchette, divise e ascugamani, sugli spalti ci sono fior fior di socialite e celebrity a contendersi il premio del migliore 'fuori campo'. E mentre Kate (Middleton) insieme al principe William e a quel fascinoso di Harry, scambiano opinioni con David e Victoria (Beckham), Derek Blasberg e Olivia Palermo sull'influenza che la Brexit avrà su Wimbledon, nel tempio del tennis si decreta a suon di palle giocate il vincitore.

Passata l'era dei vari Federer, Nadal, Lopez (non c'è che dire, gli spagnoli hanno davvero una marcia in più) e del 'nostro' Filippo Fognini che, non per patriottismo, ma potrebbe anche intraprendere la carriera di attore, ora puntiamo sul fascino europeo (ma poco latino) di Rosol, Mannarino, Klein, Goffin e Kohlschreiber.


Per la cronaca, 'quelli' vestiti in bianco e blu sugli spalti si stanno già preoccupando delle ricadute sui contratti dei tennisti già stipulati in sterline per la svalutazione della moneta. Sì, perché se a rimetterci saranno i campioni, che vedranno ridotto il ricco montepremi nel cambio dollaro-euro, noi scommettiamo che tutto ciò non intaccherà l’importanza di Wimbledon: nessuno potrà permettersi di snobbarli per qualche centinaia di migliaia di euro. Wimbledon, in fondo, è sempre stato il torneo più 'in' del mondo. Un po' come gli Oscar hollywoodiani. E tale resterà. Con o senza Europa.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna