del

8 marzo 2006 in 8 pillole

di Sara Sironi
Vota la ricetta!

Dove festeggi? Come festeggi? Cosa festeggi? Trovi tante idee in libreria, al cinema, sul web. Per riscoprire che l'anniversario color mimosa arriva da lontano e racconta storie di diritti conquistati e negati, fiabe di speranza, episodi di violenza, sogni di pace, voglia di futuro. Un futuro... davvero più rosa!

Dove festeggi? Come festeggi? Cosa festeggi? Trovi tante idee in libreria, al cinema, sul web. Per riscoprire che l'anniversario color mimosa arriva da lontano e racconta storie di diritti conquistati e negati, fiabe di speranza, episodi di violenza, sogni di pace, voglia di futuro. Un futuro... davvero più rosa!

Un caffè con Donna Moderna

donne... LIBRO

Libertà, sessualità, maternità: siamo sempre noi le protagoniste. Lettrici o scrittrici.

Ritanna Armeni, "La colpa delle donne. Dall'aborto alla fecondazione assistita: storie, battaglie, riflessioni", Ponte alle Grazie, 12 euro

Paola Tavella, Alessandra Di Pietro, "Madri selvagge. Contro la tecnorapina del corpo femminile", Einaudi, 11,50 euro

Maria Lacerda de Moura, "Amatevi e non moltiplicatevi. Educazione, femminismo, libertà sessuale, antimilitarismo", Spartaco, 12 euro

Gina Lagorio, "Càpita. La passione, il dolore e il senso del vivere", Garzanti, 14 euro

donne... FILM

Nelle sale italiane esce il film "Moolaadé" (regia e sceneggiatura di Sèmbène Ousmane), premiato a Cannes e lodato dalla critica. È la storia di una donna africana che decide di sottrarre la propria figlia alla mutilazione genitale: prenderà sotto la sua protezione altre bambine che non vogliono subire la terribile infibulazione (un fenomeno che oggi coinvolge 130 milioni di donne in tutto il mondo).

donne... SOLIDARIETÀ

Si chiama "La vita riparte da una donna" la campagna della fondazione Pangea che invita all'impegno a favore delle donne asiatiche e africane. Dando fiducia a una donna e investendo su di lei, in realtà si investe sul futuro dell'intera umanità.

donne... IMPEGNO

Mai più violenza sulle donne! La campagna di Amnesty International lancia un nuovo appello all'opinione pubblica e alle istituzioni italiane perché favoriscano un'azione globale per porre fine alla violenza e denunciare il fallimento dei governi nel contrastarla.

donne... INTERNET

Le donne americane del coordinamento "Codepink" invitano a firmare l'appello (anche in italiano) per la pace in Iraq. Le firme raccolte verranno consegnate alle ambasciate, ai consolati, agli uffici federali statunitensi in tutto il mondo.

donne... PACE

Finora 12 donne nel mondo hanno ricevuto il premio Nobel per la pace. Eccole qui: 2004: Wangari Maathai, 2003: Shirin Ebadi, 2000: Kim Dae-jung, 1997: Jody Williams, 1992: Rigoberta Menchú Tum, 1991: Aung San Suu Kyi, 1982: Alva Myrdal, 1979: Madre Teresa, 1976: Betty Williams, Mairead Corrigan, 1946: Emily Greene Balch, 1931: Jane Addams, 1905: Bertha von Suttner. Finora nessuna italiana: tu chi vorresti proporre?

donne... POLITICA

Nel 1946 quattordici milioni di donne italiane votarono per la prima volta. Sessant'anni dopo, pochissime donne sono in Parlamento, pochissime donne sono dirigenti d'azienda, moltissime donne sono forzate a lasciare il lavoro dopo la maternità. C'è ancora molta strada da fare.

La Camera dei Deputati ha promosso la realizzazione del volume fotografico "1946-2006. Testimonianze a sessant'anni dal diritto di voto per le donne italiane", di Miriam Mafai, edito dalla Leonardo International.

Per celebrare questa ricorrenza è stato istituito anche il "Premio 60° anniversario del voto delle donne 1946-2006": puoi partecipare se hai fatto una tesi di laurea sulla storia, il significato o il valore della conquista del voto da parte delle donne italiane. C'è tempo fino al 15 settembre 2006.

donne... IERI E OGGI

La festa dell'8 marzo è stata istituita nei primi anni del 1900 per ricordare le operaie tessili che morirono nell'incendio di uno stabilimento americano (era in corso una protesta contro le condizioni lavorative inumane).

Un secolo dopo, nel 2006, ci sono ancora donne che muoiono bruciate perché rinchiuse in fabbrica: non più negli Stati Uniti, ma in Bangladesh. L'incendio è scoppiato di notte e al lavoro c'erano circa 500 persone, in gran parte donne.

Forse anche la maglietta che indossiamo in questo momento è stata prodotta a basso costo grazie alla violazione dei diritti umani. Possiamo fare qualcosa? È appena uscita la "Guida al vestire critico", Editrice Missionaria Italiana, 15 euro. Contiene tutte le informazioni per fare shopping con la testa e soprattutto con il cuore.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna