del

Allergie da pollini, ai ripari!

di Simona Santoni
Vota la ricetta!

Con l'arrivo del sole hanno fatto anche loro capolino. Con corse a farmacie, antistaminici, crisi d'asma, infiammazioni agli occhi... Ecco un vademecum per conoscere i sintomi, sapere cosa fare in caso di un attacco allergico e tenere d'occhio - sulle mappe dei bollettini pollinici - i luoghi maggiormente interessati

Con l'arrivo del sole hanno fatto anche loro capolino. Con corse a farmacie, antistaminici, crisi d'asma, infiammazioni agli occhi... Ecco un vademecum per conoscere i sintomi, sapere cosa fare in caso di un attacco allergico e tenere d'occhio - sulle mappe dei bollettini pollinici - i luoghi maggiormente interessati

Un caffè con Donna Moderna

Con l'arrivo del sole hanno fatto anche loro capolino: le allergie ai pollini. Con corse a farmacie, antistaminici, crisi d'asma, infiammazioni agli occhi...

Negli ultimi tempi l'escalation delle allergie è evidente, soprattutto nei bambini: negli anni '70 i raffreddori da pollini costituivano quasi il 5%, ora invece sono il 25% dei casi tra gli adulti. Colpiscono soprattutto i giovani, dai 18 anni in giù, sfiorando il 30%. Più a rischio le città, soprattutto Milano, dove gli indici di inquinamento restano alti per tanti giorni all'anno favorendone l'incidenza. In Lombardia è l'ambrosia la pianta più "pericolosa", che coi suoi pollini ha raggiunto anche Bologna pur non essendo presente in loco. In molte aree verdi pubbliche l'allergia si diffonde da alberi non originari del luogo ma ivi inseriti, come la betulla in Sardegna o i cipressi a Roma.

Per questo vi presentiamo un vademecum con sintomi tipici, consigli pratici, come curarsi e bollettini dove controllare le concentrazioni di polline nell'aria, zona per zona.

Sintomi.

La reazione allergica causa un'infiammazione delle mucose del cavo oronasale e forme di congiuntivite. Le conseguenze includono: congestione e naso gocciolante, prurito e lacrimazione degli occhi, infiammazione delle mucose, tosse continua. Possono manifestarsi anche sintomi più pesanti come quelli caratteristici dell'asma, con difficoltà respiratorie gravi. In qualche raro caso, si può arrivare a shock anafilattico, con possibilità di perdita di coscienza e rischio di morte.

Consigli pratici.

- Nel periodo di massima fioritura è meglio limitare il tempo trascorso all'aperto, soprattutto in giornate ventose.

- Meglio non passeggiare a lungo fuori dopo un temporale (che squassa le piante, provocando maggiore rilascio di polline e sollevandolo). Non vale questa regola se la pioggia dura da diversi giorni, perché la quantità di polline nell'aria si abbassa.

- Viaggiare in auto preferibilmente con i finestrini chiusi. Anche in casa meglio tenere le finestre  chiuse.

- Ai bambini fare la doccia e lavare i capelli ogni giorno.

- Scegliere come mete di vacanze posti dove il polline è assente: zone di mare e di montagna.

- Fare attenzione quando i bambini mangiano melone, pomodori, arance e kiwi, perché è possibile una certa cross-reattività tra allergeni di polline e allergeni vegetali.

Come curarsi.

Oggi sono a disposizione terapie efficaci, in grado di controllare i sintomi e di garantire una vita normale. Inoltre i vaccini (il cui periodo migliore di somministrazione è febbraio) consentono anche la possibilità di interferire sull'evoluzione delle malattie allergiche dell'apparato respiratorio.

Il bollettino pollinico.

Sul sito www.ilpolline.it  o su www.pollinieallergia.net  è possibile controllare le concentrazioni di polline nell'aria (per ogni singolo tipo, da Graminae a Betulaceae a Fagaceae) per verificare il livello di rischio, tenendo conto che il valore soglia che scatena un'allergia varia da persona a persona e, anche per la stessa persona, da periodo a periodo.

Per saperne di più.

Il 13 giugno 2009 è l'Allergy Day, la giornata nazionale delle allergie promossa dalla Federazione delle Società Allergologiche. Lo slogan è "L'allergia si vince". Nelle principali città saranno organizzati diversi eventi informativi e sarà proposto il questionario "Scopri se sei allergico".

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna