del

Anch’io lotto col peso però dico no alla taglia 38

di Elisa Leonelli
Vota la ricetta!

Il segreto della sua dieta? Pecorino al tartufo e buon senso. L'attrice inglese lancia un messaggio alle ragazze fissate con la linea. E va oltre: in Tutti gli uomini del re appare nuda. Con qualche chilo in più

Il segreto della sua dieta? Pecorino al tartufo e buon senso. L'attrice inglese lancia un messaggio alle ragazze fissate con la linea. E va oltre: in Tutti gli uomini del re appare nuda. Con qualche chilo in più

Un caffè con Donna Moderna

«Fissata con la forma io? Neanche per sogno!». Non chiedete a Kate Winslet di pilates, cibo vegano e altre manie salutiste da attrice hollywoodiana. Alla star inglese, 31 anni e due figli, la perfezione non importa. E anche se in Tutti gli uomini del re, dal 22 dicembre al cinema, recita nella parte di una 18enne, non si è sottoposta a diete rigorose. «Il digiuno non fa per me» dice. «E poi sono contraria alle attrici filiformi con la taglia 38. Sono un cattivo esempio. Creano una generazione di anoressiche». Jeans, stivali e giacca nera di Dolce & Gabbana, la Winslet è a suo agio con le curve e non vive la bilancia come uno stress.

E con il suo lavoro come fa? «Mangio e bevo di tutto, ma con moderazione». E aggiunge: «Per esempio, mi hanno regalato per il mio compleanno un formaggio pecorino con scaglie di tartufo. Delizioso. L'ho tagliato in grossi pezzi da consumare piano piano, altrimenti ne avrei fatta fuori un'intera forma in tre giorni». Insomma, Kate sta attenta al peso, ma senza esagerare. E non si vergogna.
In Tutti gli uomini del re, dove recita al fianco di Jude Law e Sean Penn, l'attrice appare nuda, con i suoi difetti: «Alla mia età, e dopo aver dato alla luce due figli, avere le smagliature è normale». Ma poi taglia corto perché, dice, oggi ha altro a cui pensare: due film che escono quasi contemporaneamente (oltre a Tutti gli uomini del re, a febbraio arriva nelle sale L'amore non va in vacanza) e di cui ha una voglia matta di parlare.

Dopo un lungo periodo di pausa, è ancora alla ribalta. Come si sente?

«Emozionata. Non calcavo una passerella rossa dall'anno scorso, agli Academy Awards. Per la prima di Tutti gli uomini del re, al Toronto Film Festival, a settembre, sono scesa dalla macchina dicendomi: “Ok, adesso cerca di darti un’aria professionale per la serata e di non cadere dai tacchi”».

Come è stato lavorare al fianco di Sean Penn, suo partner nel film?

«Non l'avevo mai incontrato prima, e temevo fosse il genere d'attore intenso e impegnato che siede in un angolo fumando, senza parlare con nessuno, nascosto dietro un paio di occhiali scuri. Intenso lo era veramente, ma anche molto divertente. Sul set è stato incredibile, un vero team leader che chiacchiera con tutti, pronto a condividere suggerimenti e nuove idee».

Con Jude Law, inglese come lei, recita sia in Tutti gli uomini del re sia in L'amore non va in vacanza. Siete diventati amici?

«Sì, siamo molto simili: tutti e due abbiamo un forte senso della famiglia».

A proposito di famiglia, come fa a conciliare la sua vita di attrice col fatto di essere mamma?

«Io e mio marito Sam abbiamo deciso di lavorare a turno. Così c'è sempre uno dei genitori che, durante il giorno, è a casa con i bambini. Lo considero un lusso. E se devo spostarmi per lavoro, porto con me la famiglia. Ma devo ammettere che è difficilissimo gestire i bambini sul set: non riesco a fare bene la mamma e il mio lavoro di attrice allo stesso tempo».

Quando non lavora vive nella campagna inglese. Si dedica al giardinaggio?

«Oh, no (ride). Come giardiniere sono una frana. Non ci so proprio fare. Invece ho un lato “casalingo”: lontano dai set e dalle serate di gala, vivo in T-shirt e pantaloni corti. Ne ho un paio neri che infilo appena torno da scuola con i bambini».

La sua vita è così normale?

«In effetti sì. Né io né mio marito siamo i tipi che fanno cose stravaganti. Giochiamo con Mia e Joe, ceniamo insieme, andiamo al parco. E tutto questo mi rende felice. Vi stupisce?».

Ma almeno, tra il lavoro e i figli, lei e Sam riuscite a farvi qualche tête-à-tête?

«Considero romantico anche solo sedermi sul divano insieme a Sam, con un bicchiere di vino, dopo aver messo a letto i bambini. L'unica persona per cui non riesco mai a trovare tempo, casomai, sono io. Sam mi dice continuamente: “Per l'amor di Dio, vai a farti un massaggio o una nuotata in piscina. Non preoccuparti”. Però non ci riesco: quando sei mamma ti senti in colpa anche solo se vai in palestra per un'ora».

Con i suoi figli è severa?

«No. Cerco di incoraggiarli a esprimersi liberamente. Seguendo semplici regole che insegnano loro cosa è giusto e cosa è sbagliato, come non disegnare sui muri o andare a letto presto. L'unica cosa che davvero non voglio è che crescano passando da un set all'altro. Ma questo dipende da me».

Ne L'amore non va in vacanza interpreta una ragazza inglese che si trasferisce a Los Angeles in pieno periodo natalizio. Preferisce il freddo Natale britannico o quello californiano, caldo e soleggiato?

«Non riesco a immaginare un Natale caldo, assolutamente. Deve essere freddo, per tradizione. Ancora oggi, la mattina del 25 dicembre, corro alla finestra e trattengo il respiro sperando che abbia nevicato tutta la notte. L'unica volta che è successo veramente avevo 8 anni: ho scostato le tende e fuori c'era una distesa di neve, è stato bellissimo».

Ha già progetti per il 2007?

«In realtà sì. Ho bisogno di ricaricare le pile come attrice, e di stare con i bambini. Un bell'impegno. No?».

Kate Winslet

Kate Elizabeth Winslet nasce a Reading, in Gran Bretagna, il 5 ottobre 1975. Il padre, Roger, è capocomico di una compagnia teatrale, la madre, Sally, è una governante. A 15 anni Kate inizia a recitare per la tv inglese, a 18 debutta al cinema. Dal 1998 al 2001 la Winslet è sposata con il regista Jim Threapleton, con il quale ha una figlia, Mia, di 6 anni. Nell'agosto del 2001 l'attrice incontra il regista Sam Mendes. Si fidanzano in ottobre e il 24 maggio 2003 si sposano con una cerimonia segreta alle Antille. I due hanno un figlio, Joe, di 3 anni.

I suoi successi

Tutti la ricordano nel ruolo di Rose in Titanic (1997), ma il successo di Kate Winslet inizia prima. A 18 anni esordisce con Creature del cielo di Peter Jackson, a 19 è interprete di Ragione e sentimento di Ang Lee e ottiene la prima nomination all'Oscar. Nel 1999 gira Fuoco sacro della regista Jane Campion e diventa un'icona del cinema d'autore.

Nel 2004 recita in Se mi lasci ti cancello. Al cinema è ora la protagonista di Tutti gli uomini del re. Nel 2007 la vedremo in L'amore non va in vacanza e in Little children, per il quale è candidata ai Golden Globe.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna