del

Capodanno: i pro e i contro

di Francesco Neri
Vota la ricetta!

È un evento unico, in positivo e in negativo. Ecco svelate le due facce della medaglia

È un evento unico, in positivo e in negativo. Ecco svelate le due facce della medaglia

Un caffè con Donna Moderna

Ogni anno, puntuale, Capodanno arriva. La maggior parte di noi tende a parlarne male e a dire che è una festa che sente come una forzatura. Una festa che aveva senso quando si era adolescenti, ma non da adulti, quando ogni fine settimana può essere Capodanno.

In realtà non è così vero. Capodanno è un evento unico, in positivo e in negativo. Eccovi i 5 pro e i 5 contro di questo Capodanno.

 

Pro

1) Bacio sotto il vischio. Capodanno è l'unico giorno in cui puoi strappare un bacio a uno sconosciuto semplicemente mettendoti sotto un rametto di vischio. E, cosa più interessante, lui non potrà rifiutarsi.

2) Il trenino. Soltanto in questo giorno dell'anno fare il trenino a una festa non è considerato una roba da sfigati. Approfittane, è divertente! Ah, ma non far capire che ti stai divertendo troppo, d'accordo?

3) Cose vecchie. C'è qualcosa che vuoi buttare da tanto ma non hai ancora avuto voglia di farlo perché pesa un accidenti e tu abiti al quarto piano senza ascensore? Buttala dalla finestra! A Capodanno si può fare, è la tradizione!

4) Scusa per gli auguri. Non hai voglia di fare gli auguri a qualcuno? A Capodanno hai la scusa perfetta: "Non li hai ricevuti? Eppure te li ho mandati a mezzanotte e un secondo! Come dici? Colpa dei cellulari che vanno in tilt? Probabile..."

5) Scusa ideale per lo shopping. Si sa, a Capodanno la biancheria intima deve essere rossa e nuova e quindi "tocca" andare a fare shopping. Ma vogliamo comprare la biacheria e lasciare sugli scaffali quello splendido maglione? O quelle scarpe? L'importante è che siano di color rosso e che tu abbia un posto dove nascondere i sacchetti quando rientri a casa.

 

Contro

1) Tutto costa il doppio. Qualsiasi cosa tu decida di fare a Capodanno costa il doppio, quando non il triplo. Perfino i fast food hanno il coraggio di raddoppiarti il prezzo del menù se ci aggiungono una sottilissima fetta di panettone e uno spumantino nel bicchiere di carta.

2) Non c'è posto. Se ti viene in mente un'idea su cosa fare a Capodanno, ma non hai prenotato prima del 15 luglio, stai certa che non ci sarà posto. Crisi o non crisi, tutti partono. Parigi? Impensabile. New York? Bella battuta! Sesto San Giovanni? Forse, mi faccia verificare.

3) Un parcheggio sicuro. Se hai acquistato una macchina nuova e non hai un box, vendila. Trovare un parcheggio sicuro a Capodanno è impossibile. Fuochi d'artificio, piatti, mobili, oggetti non identificati. La gente butta dalle finestre qualsiasi cosa e a meno che tu non abbia un mezzo blindato... beh, era una bella macchina.

4) Stipati come sardine. Sebbene ristoratori e compagnia bella ti facciano pagare il doppio a Capodanno, i locali sono straordinariamente stipati. I tavoli dei ristoranti sono uno attaccato all'altro, tipo tavolata delle sagre di paese, e le discoteche ricordano l'ora di punta in metropolitana, tranne per il look e i make-up aggressivi.

5) Simulazione di guerra. Se quest'anno hai deciso di risparmiare e di festeggiare Capodanno in piazza, mi auguro tu abbia una divisa mimetica, anfibi e un elmetto. Si tratta di una vera simulazione di guerra. Verso mezzanotte ti troverai a correre mezza congelata, sui tacchi 10, in mezzo a un fuoco incrociato di amanti dei petardi che mirano alle tue caviglie.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna