del

Chi ha paura di smettere di fumare?

di Annaleni Pozzoli

Gli ultimi dati sui danni del fumo, presentati in occasione della Giornata mondiale senza tabacco, fanno spavento. Ma per i fumatori la vera paura è di non poter fare a meno delle sigarette. Eppure si può vincere. Senza sacrifici né rimpianti. Parola di ex fumatrice

Un caffè con Donna Moderna

Gli ultimi dati sui danni del fumo, presentati in occasione della Giornata mondiale senza tabacco, fanno spavento. Ma per i fumatori la vera paura è di non poter fare a meno delle sigarette. Eppure si può vincere. Senza sacrifici né rimpianti. Parola di ex fumatrice

Un'opinione di

Annaleni Pozzoli

Giornalista scientifica, mamma adorante di due femmine, moglie di un appassionato insegnante di...

Meno male che quest’anno ho festeggiato la Giornata mondiale senza  tabacco da non fumatrice. Perché gli studi appena presentati sono da brivido. Le sigarette inquinano più di un Tir, dice una ricerca dell’Istituto dei tumori di Milano.

E, dopo il fumo passivo, che provoca problemi respiratori a un bambino su cinque, ora gli esperti dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma hanno scoperto addirittura quello di “terza mano”.

Non basta, cioè, che una mamma (o un papà) esca sul balcone a fumare: quando rientra e prende in braccio suo figlio gli fa comunque respirare sostanze tossiche. Terrore! Se fossi ancora una fumatrice, a questo punto probabilmente avrei smesso di leggere e mi sarei già accesa una sigaretta.

Perché, si sa, il terrorismo psicologico sui fumatori ottiene esattamente l’effetto opposto. È per questo che io e mio marito siamo riusciti a smettere con il metodo Easyway (puoi leggere il libro È facile smettere di fumare se sai come farlo oppure partecipare al seminario), che punta a scardinare i falsi miti dei fumatori.

Cioè tutte le convinzioni che sono alla base della dipendenza. Come quella di credere che accendersi una sigaretta aiuti a concentrarsi, a rilassarsi o a combattere la noia. In realtà, sono le scuse che inconsciamente ci si inventa per continuare a fumare.

Quanti si dicono: «Perché mai dovrei smettere e privarmi di questo piacere?». È tutto effetto della tossicodipendenza, perché di questo si tratta. Poi ti immagini che, se anche ce la facessi, rimpiangeresti per sempre la sigaretta dopo il caffè o quella mentre bevi l’aperitivo con gli amici.

E invece non solo è possibile smettere senza sacrifici. Si può anche diventare degli ex fumatori felici. Capisci di essere davvero fuori pericolo quando ti trovi insieme a qualcuno che fuma e non provi più quel desiderio di accenderti una sigaretta e quella punta d’invidia perché tu ti sei privata di quel piacere.

Anzi, sei sollevata di esserti finalmente liberata da una schiavitù e ti dici: «Che bel regalo mi sono fatta! Ma non potevo pensarci prima?».

E voi avete mai provato a smettere di fumare? O aspettate il momento giusto (che non arriverà mai)? Raccontateci come ce l’avete fatta o che cosa vi trattiene dal farlo…

di Annaleni Pozzoli

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna