del

Cosa significa la bellezza?

Se lo chiede qui la personal stylist Anna Turcato. Che a partire dall'esperimento della giornalista Esther Honing ha capito che c'è un unico canone possibile per valutare la bellezza: la nostra specificità.

Se lo chiede qui la personal stylist Anna Turcato. Che a partire dall'esperimento della giornalista Esther Honing ha capito che c'è un unico canone possibile per valutare la bellezza: la nostra specificità.

Un caffè con Donna Moderna



Anna Turcato è consulente di immagine e personal stylist. La sua missione è aiutare le persone a rendere la loro immagine un biglietto da visita coerente con il messaggio che intendono proporre.


 

 

Il mio lavoro è occuparmi della bellezza. Il mio obiettivo è rendere più belle le persone che mi scelgono per occuparsi della loro immagine.

Che cosa è la bellezza però? Spesso mi trovo a pormi questa domanda.

Il concetto di bello è qualcosa di soggettivo? Bello è ciò che piace?

O si tratta invece di un dato oggettivo con canoni ben precisi, a cui fare riferimento per poter formulare un giudizio?

E questi canoni sono universali o sono invece legati ad un fattore più culturale e sociale e valgono in un luogo e in un ambiente ma sarebbero nulli in un altro?

Quando io lavoro sullo stile di qualcuno cerco di mediare i tre elementi, il cliente al centro, i canoni estetici sullo sfondo e intorno le esigenze non solo culturali ma anche di abitudini di vita e lavorative. Spesso però i dati si intersecano e si confondono in una matassa difficile per me da sbrigliare.

Per questo mi ha molto colpito l’esperimento di Esther Honing, giornalista americana, che ha mandato una sua foto “al naturale” a 40 grafici e fotografi in tutto il mondo con una sola richiesta: “rendimi bella”.

Esther ha poi pubblicato il progetto con il nome Before/After, mostrando le differenze tra la foto inviata e il risultato, dopo il lavoro dei professionisti su di lei e sulla sua bellezza.

In alcuni casi è l’abbigliamento che funge da elemento discriminante ai fini di un miglioramento estetico, in altri il trucco o la pettinatura. Rossetto, ombretto, ciglia lunghe, capelli resi fluenti, orecchini e accessori vari.

Per il grafico marocchino Esther diventa più bella se indossa il velo a coprire il capo come da tradizione religiosa. Sovrastrutture, che dicono molto su come sia inteso il concetto di bellezza culturalmente parlando, ma che almeno mantengono inalterata o quasi la base del viso della giornalista.



In altri casi invece i canoni di bellezza sono legati al colore della pelle e alla morfologia del viso.

La trasformazione che più mi ha colpito è stata quella a cui ha sottoposto Esther il grafico degli Stati Uniti. La ragazza, dall’aspetto molto distante rispetto al cliché di bellezza occidentale, è stata resa del tutto simile a una Barbie, del suo aspetto originario e reale rimane inalterata solo la bocca, carnosa.



Eppure la Esther più bella a mio avviso è proprio quella al naturale.

Strano, forse, sentirlo dire da una con la mia professione ma nel tempo ho imparato che trovare la nostra bellezza non è stravolgerci: occorre partire da quello che già abbiamo, cercando di focalizzarci sui nostri punti forti certo, ma provando anche a svelare la nostra autenticità attraverso tutti gli elementi fisici in nostro possesso, difetti compresi che possono anzi diventare elementi di unicità e differenziazione positiva.

Chi si sarebbe ricordato di Barbra Streisand senza il suo naso importante?

E voi cosa ne dite? Cosa è per voi la bellezza?

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna