del

Il mistero delle foto brutte

di Roberto Moliterni

Come comportarsi se le donne non si piacciono mai, ma proprio mai nelle foto? Ecco qui la soluzione.

Un caffè con Donna Moderna

Come comportarsi se le donne non si piacciono mai, ma proprio mai nelle foto? Ecco qui la soluzione.

Roberto Moliterni
Un'opinione di

Roberto Moliterni

Cresciuto a Matera, in mezzo a tante donne, racconta storie per il cinema e sulla carta. 

Un mistero che proprio non riesco ad afferrare delle donne è come facciano a non piacersi mai, ma proprio mai nelle foto.

Stai tre ore a studiare l'inquadratura, ti metti dal basso, dall'alto, ti inginocchi, ti spalmi sul pavimento, controlli la luce, la messa a fuoco, l'esposimetro. È tutto perfetto. Lei sorride, è bellissima. Potresti anche innamorarti, se non lo sei già. Clic. Scatti.

È finita la magia. Lei è già corsa accanto a te a guardare il risultato (maledetto digitale, rivoglio la pellicola). Tu sei tutto tronfio, già sorridi pensando a quando in Paradiso farai colazione con Robert Capa e Henri-Cartier Bresson, parlerai di punctum con Roland Barthes e contesterai le sue teorie sulla fotografia direttamente con Susan Sontag. Tu, lo sai, sei il prossimo Oliviero Toscani ma lei ti dice: «È orribile», «Come è orribile?», «È orribile. Non la vedi questa ruga?». Quale ruga? Io non vedo nessuna ruga. Lei ti dice: «Rifammela» (maledetto digitale, rivoglio la pellicola).

A riecco la luce, la messa a fuoco, l'esposimetro, tu spalmato sul pavimento. Scatti.

Lei corre di nuovo accanto a te. Sei il prossimo Steve Mc Curry, lo sai. Ma lei vede di nuovo quella ruga, quella maledetta ruga che tu non vedi. E poi spuntano altri difetti: il brufolo, il naso storto, le orecchie a sventola, lo strabismo.

Tu la guardi, perché incominci a preoccuparti davvero di esserti innamorato del mostro di Lochness e di non essertene accorto. Ti pare bellissima, come sempre.

Ma ti arrendi, accetti l'esistenza di quella ruga per fede, come l'esistenza divina. Le dici: «È una ruga d'espressione». E allora lei va giù, si arrabbia, dice: «Allora è vero? Allora vedi che la vedi pure tu?»

Sta per scoppiare a piangere. «Sono brutta», dice e ti si stringe il cuore perché sai che non è vero, sai che è bellissima ma non sai come rassicurarla.

Finché non ti viene in mente una parolina magica, che scioglie i cuori di tutte le donne. E questa parolina è: «Photoshop».

Le ritorna il sorriso (evviva il digitale, non rimpiango la pellicola).

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna