del

Il sale ne fa di tutti i colori

di Irma D’Aria
Vota la ricetta!

Il sale vive il suo momento. E non solo in cucina. Dagli chef che sperimentano accostamenti inediti, agli elettrodomestici che lo sfruttano per cucinare, fino alle applicazioni sulla pelle: ecco le ultima novità su un ingrediente vecchio come il mondo

Un caffè con Donna Moderna

Il sale vive il suo momento. E non solo in cucina. Dagli chef che sperimentano accostamenti inediti, agli elettrodomestici che lo sfruttano per cucinare, fino alle applicazioni sulla pelle: ecco le ultima novità su un ingrediente vecchio come il mondo

Non solo a tavola, ma anche nella vasca da bagno o direttamente sulla pelle. Il sale diventa multi-tasking e svela tutte le sue proprietà. Che cambiano a seconda del tipo: da quello più raro, il sale nero indiano, chiamato anche sale dei vegani, a quello blu di Persia o rosa dell’Himalaya, ce ne sono veramente di tutti i tipi.

Le idee degli chef  Lo sanno bene gli chef che amano sperimentare: da Heinz Beck che ha ideato le scodelline di sale (fatte con il fior di sale di Ibiza), a Moreno Cedroni, eclettico chef e imprenditore di Senigallia che propone mousse al cioccolato con olio extra vergine e sale balinese, mentre Antonello Colonna lo utilizza in un dessert ormai classico come il diplomatico crema e cioccolato con caramello al sale.

Le piastre di sale  La classica cottura al sale permette di usare pochi condimenti e risparmiare calorie. Un metodo antico che oggi si rinnova grazie all’evoluzione degli elettrodomestici con le piastre di sale rosa Himalayano o la Mattonella di puro Sale "dolce" di Cervia. Sono nuovi sistemi di cottura che ti permettono di cucinare le pietanze senza l'aggiunta di grassi (olio, burro, margarina). La pietanza cotta sulla mattonella o sulla piastra prende da lì la giusta quantità di sale di cui ha bisogno, salandosi autonomamente. In più, i tempi di cottura rispetto all'antica tecnica "sotto sale" o "in crosta di sale" sono notevolmente ridotti.

Le piastre di sale rosa sono anche multiuso. Non solo puoi metterle direttamente sui fornelli o nel forno per cucinare il pesce, ma puoi metterle anche nel freezer per servirci poi sopra del sushi, una tartare di tonno o magari un carpaccio di ricciola perché grazie alla loro dote di mantenere il freddo e di conservare i cibi sono un perfetto antibatterico naturale.

I cuscini imbottiti  I sali del mondo sono anche ottimi alleati del nostro benessere. In caso di raffreddore, contrazioni muscolari, contusioni e infiammazioni puoi trovare un sollievo immediate grazie ai cuscini imbottiti di sale rosa dell’Himalaya. Ti basta riporre il cuscino (senza federa) in forno a 60°C oppure appoggiarlo su un termosifone, fino a scaldarlo completamente. Poi riporlo nella sua federa esterna e lasciarlo appoggiato sulla zona del corpo interessata per 15-20 minuti. Lo stesso discorso vale per il freddo, ma riponendo il cuscino in freezer, con la sola precauzione di chiuderlo bene in un sacchetto di plastica in modo che il sale non assorba acqua e si trasformi in un unico blocco.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna