del

Lo sai cosa vuole dire digitale terrestre?

di Moreno Pisto
Vota la ricetta!

Leggete questo "libretto di istruzioni" e riscaldate il telecomando.C'è una novità che cambierà il piccolo schermo. Con un decoder

Leggete questo "libretto di istruzioni" e riscaldate il telecomando.C'è una novità che cambierà il piccolo schermo. Con un decoder

Un caffè con Donna Moderna

Sarà perché trasmette in diretta il campionato di calcio a prezzi stracciati. O perché ha conquistato titoli di giornali e pagine di pubblicità. Certo è che ora, quando si parla di televisione, tutti pensano al digitale terrestre. Una novità appena entrata nel nostro salotto, ma che dal 2007 diventerà l'unico modo di guardare la tv. Proprio così: tra due anni il televisore e l'antenna non basteranno più. Per prepararsi all'appuntamento, ecco una guida a questa grande rivoluzione del piccolo schermo.

Come funziona «Per prima cosa serve un decoder» spiega l'ingegnere Sebastiano Trigila della Fondazione Bordoni, l'ente che supervisiona la diffusione del digitale terrestre in Italia. «A differenza di quello necessario per vedere i canali satellitari di Sky, non va collegato alla parabola ma al normale cavo dell'antenna. Poi va connesso al televisore con una presa scart, come si fa con il videoregistratore». Per ora solo il 65 per cento degli italiani può vedere questa nuova tv, perché il segnale non arriva in tutta la Penisola. Per sapere se la zona in cui abitate è coperta, cliccate su www.dgtvi.it e su decoder.comunicazioni.it. Oppure chiamate il numero verde 840022000.

Quanto costa «Il decoder si compra nei negozi che vendono televisori e costa in media 170 euro» continua Trigila. «Il primo milione e mezzo di persone che lo acquisterà nel 2005 ne "risparmierà" 70 grazie a un contributo statale. Ma attenzione: per passare al digitale terrestre bisogna essere in regola con il canone tv». In pratica, i commessi vi chiederanno il bollettino. Una volta portato a casa il decoder, però, non dovrete pagare altri abbonamenti.

Cosa trasmette «Sul digitale terrestre si vedono le reti Rai e Mediaset, con una migliore qualità delle immagini e del suono» dice Trigila. «In più ci sono   molti canali nuovi». Qualche esempio? Boing trasmette cartoni animati, Coming Soon è dedicato al cinema, Vj Television si occupa di musica. Grande spazio ha l'informazione, con Rai News 24 e reti straniere come la britannica Bbc.

E soprattutto il calcio: dal 22 gennaio su Mediaset Premium e su La7 Cartapiù si può guardare in diretta la serie A, al costo di 3 euro a partita. «Va inserita nel decoder una carta prepagata, che si compra nei negozi di elettronica» spiega Piero De Chiara, responsabile del digitale terrestre di La7. Finora ne sono state vendute in tutto 400 mila. Informazioni su www.mediasetpremium.it e su www.la7.it.

Cosa offrirà «Grazie al digitale terrestre la tv, più che guardarla, la usiamo» dice Roberto Sergio, direttore Nuovi media Rai. Che significa? Che possiamo partecipare al sondaggio di una trasmissione o votare il concorrente di un reality show con il telecomando. «Naturalmente a pagamento, con un addebito sulla bolletta telefonica» precisa Trigila. «Ma la vera rivoluzione è un'altra» conclude Sergio. «Grazie agli accordi con la pubblica amministrazione, tra un paio d'anni potremo perfino pagare il bollo auto e la tassa sui rifiuti».

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna