del

Preparati a vedere le crociate

di Moreno Pisto
Vota la ricetta!

E a tornare indietro nel tempo, all'epoca delle battaglie inTerra Santa. Per accompagnarti nel viaggio, ecco un mini ripasso. Leggilo e poi guarda il travolgente film con Orlando Bloom

E a tornare indietro nel tempo, all'epoca delle battaglie inTerra Santa. Per accompagnarti nel viaggio, ecco un mini ripasso. Leggilo e poi guarda il travolgente film con Orlando Bloom

Un caffè con Donna Moderna

Cavalieri che si battono fino alla morte. Nemici trucidati senza pietà. E sangue versato in nome di Dio. Ecco a voi il nuovo, travolgente kolossal di Ridley Scott: Le crociate. Ambientato durante la terza delle otto "guerre sante" medievali, il film ripercorre le battaglie tra gli eserciti cristiani e le truppe musulmane del famigerato condottiero Saladino per il possesso di Gerusalemme. E ripropone sul grande schermo un tema attualissimo: quello dello scontro di civiltà. Volete arrivare al cinema preparati? Leggete questo mini ripasso.

Le guerre sante del Medioevo

Le otto crociate sono state combattute in Medio Oriente tra il 1095 e il 1291. «In queste spedizioni i cavalieri cristiani, quasi tutti francesi, tedeschi e italiani, avevano l'obiettivo di togliere ai musulmani Gerusalemme. Ovvero il luogo dove, secondo la tradizione, si trova il sepolcro di Cristo» spiega Franco Cardini, docente di Storia medievale all'università di Firenze. «La prima è stata lanciata da Papa Urbano II nel 1095. La più feroce è quella raccontata da Scott: la terza, che si è svolta tra il 1187 e il 1192». Ma da cosa deriva la parola "crociata"? «Dalla croce cucita sulle vesti dei pellegrini che lottavano contro quelli che consideravano infedeli» dice Cardini.

Le guerre sante al cinema

Non sono molti i film che hanno raccontato le battaglie in Terra Santa. E risalgono a più di 30 anni fa. «I migliori? Riccardo Cuor di Leone di David Butler, del 1954. E Brancaleone alle crociate di Mario Monicelli, del 1970» dice Franco La Polla, direttore del dipartimento Musica e spettacolo all'università di Bologna. «Negli ultimi anni sono andati di moda i kolossal sull'Impero romano, come dimostra il successo di un'altra pellicola di Scott: Il Gladiatore. Ma ora è decisamente più attuale lo scontro tra musulmani e cristiani. E nel dedicargli un film il regista inglese ha avuto un fiuto eccezionale».

Le guerre sante nel Duemila

Dall'11 settembre 2001 il concetto di crociata è tragicamente tornato alla ribalta. «Il presidente americano George W. Bush ha parlato di "crociata contro il male" alla vigilia dell'attacco all'Afghanistan nel 2001. E nel 2003, durante la guerra in Iraq, Saddam Hussein si è attribuito il ruolo di difensore dell'Islam, paragonandosi a Saladino» dice Vittorio Emanuele Parsi, docente di Relazioni internazionali all'università Cattolica di Milano. Ma è giusto, oggi, parlare di crociate? «No, anzi: è controproducente. L'unico effetto è stato quello di alimentare i fondamentalismi» risponde Parsi. «Però l'Islam può convivere con i valori occidentali come la democrazia. Lo dimostrano le riforme che sta facendo la Turchia per entrare nell'Unione europea».

La rivelazione del film

La vera sorpresa de Le Crociate è il condottiero Saladino. «È sempre stato descritto come un uomo feroce» dice

lo storico Franco Cardini. «In realtà, era generoso e leale. Come nel film».

Le otto crociate sono state combattute in Medio Oriente tra il 1095 e il 1291

1a crociata

1095-1099

Chi l'ha lanciata Papa Urbano II il 27 novembre 1095.

Qual era l'obiettivo
Permettere ai pellegrini cristiani di andare al Santo Sepolcro, a Gerusalemme, senza ostacoli o pericoli. Il luogo dove secondo la Bibbia Cristo è risorto, infatti, era sotto il dominio musulmano.

Qual è stato il risultato
Gli eserciti francesi, tedeschi e italiani strappano ai turchi Edessa (Turchia), Tripoli (Libano), Antiochia (Siria). E nel 1099 anche Gerusalemme. Nasce così il Regno Franco di Gerusalemme.

2a crociata

1146-1149

Chi l'ha lanciata
Papa Eugenio III nel marzo 1146.

Qual era l'obiettivo
Riconquistare la città di Edessa, che era nuovamente caduta nelle mani dei turchi nel 1144.

Qual è stato il risultato
Guidati dall'imperatore germanico Corrado III e dal re di Francia Luigi VII, i crociati tedeschi e francesi vengono subito sconfitti sui monti di Cadmus, in Turchia. Cadono definitivamente a Damasco, attuale capitale della Siria, nel 1149. E tornano in Europa senza aver fatto alcuna conquista.

3a crociata

1187-1192

Chi l'ha lanciata
Papa Gregorio VIII nell'ottobre 1187, due mesi prima di morire. Gli succede Clemente III.

Qual era l'obiettivo
Fermare l'avanzata di Saladino, il famigerato condottiero curdo che aveva conquistato l'Egitto, l'Arabia Occidentale e, nel 1187, Gerusalemme.

Qual è stato il risultato
Il re inglese Riccardo Cuor di Leone, quello francese Filippo II e l'imperatore germanico Federico Barbarossa non riprendono Gerusalemme. Ma i cristiani hanno libero accesso ai Luoghi Santi.

4a crociata

1198-1204

Chi l'ha lanciata
Papa Innocenzo III nel marzo 1198.

Qual era l'obiettivo
Riconquistare Gerusalemme dopo la morte di Saladino nel 1193.

Qual è stato il risultato
Su pressione dei commercianti veneziani, che avevano interessi economici in Croazia, i crociati fanno tappa nella città di Zara e la conquistano. Poi, invece di proseguire per Gerusalemme, si fermano nell'Impero bizantino. Qui saccheggiano la capitale Costantinopoli e proclamano l'Impero latino d'Oriente, che cadrà nel 1261.

5a crociata

1215-1221

Chi l'ha lanciata
Papa Innocenzo III nel novembre 1215.

Qual era l'obiettivo
Riprendere il monte egiziano Tabor, nelle mani del sultano de Il Cairo Al-Malik Al-Kamil.

Qual è stato il risultato
I crociati, sommersi dalla piena del Nilo nel 1221, sono decimati alla vigilia della battaglia più importante. I sopravvissuti cedono al sultano la città di Damietta, conquistata l'anno prima. In cambio, ottengono il permesso di ritirarsi liberamente dai territori egiziani.

6a crociata

1225-1229

Chi l'ha lanciata
Papa Gregorio IX nel giugno 1225.

Qual era l'obiettivo
Riconquistare Gerusalemme, passata da Saladino al sultano d'Egitto Al-Malik Al-Kamil.

Qual è stato il risultato
Guidata da Federico II di Svevia, la crociata si risolve senza spargimento di sangue grazie alle doti diplomatiche dell'imperatore germanico. Nel trattato di Jaffa il sultano d'Egitto Al-Malik Al-Kamil concede a Federico II il controllo di Betlemme, Gerusalemme e Nazareth, le  città simbolo dei cristiani.

7a crociata

1245-1254

Chi l'ha lanciata
Papa Innocenzo IV al concilio di Lione, nel giugno 1245.

Qual era l'obiettivo
Riconquistare le città di Gerusalemme, Damietta e Antiochia (Siria), finite nelle mani del sultano Baibars.

Qual è stato il risultato
La spedizione è guidata dal re di Francia Luigi IX, che nel 1249 riprende Damietta. Nel 1250, però, il sovrano viene catturato dagli egiziani. Tornerà in Francia nel 1254, dopo aver reso Damietta al sultano e aver pagato un grosso riscatto.

8a crociata

1263-1291

Chi l'ha lanciata
Papa Urbano IV, nel 1263, e Gregorio X, nel 1274.

Qual era l'obiettivo
Salvare gli ultimi principati latini in Oriente.

Qual è stato il risultato
La crociata, con a capo Giacomo I d'Aragona, termina con una disfatta. Tripoli (Libano) cade nel 1287, Acri (Israele) quattro anni dopo. Tranne l'isola di Cipro, tutto l'Oriente è nelle mani del sultano d'Egitto Qalawun e di suo figlio Al-Ashraf. I franchi sono espulsi dal mondo arabo.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna