del

Preti pedofili: nessuno può tacere

di Stella Pende
Vota la ricetta!

Sacerdoti che molestano bambini. Sono pochi casi. Ma vanno affrontati con coraggio, come ha fatto AnnoZero. E con fermezza. Per proteggere le vittime. E tutti quei religiosi che dedicano la vita ai piccoli

Sacerdoti che molestano bambini. Sono pochi casi. Ma vanno affrontati con coraggio, come ha fatto AnnoZero. E con fermezza. Per proteggere le vittime. E tutti quei religiosi che dedicano la vita ai piccoli

Un caffè con Donna Moderna

Non mi è parsa spazzatura il documentario della Bbc mandato in onda da AnnoZero di Michele Santoro. Ho trovato anzi il documento, perché di ciò si trattava, del giornalista inglese, importante, intenso e assolutamente utile alla comprensione del problema. Ho goduto anche molto della determinazione, della passione e del coraggio del collega inglese. E anche della misura di Santoro.

Per nulla di parte, come qualcuno ha sostenuto, e molto interessato ad ascoltare le ragioni di tutti. La morale è stata soprattutto una: come esistono medici, pensionati e postini  pedofili, così esistono preti dotati di tale perversione. Con la distinzione che, mentre gli ingegneri si occupano di ponti, parroci e pastori frequentano spesso oratori e collegi. Gli oratori sono frequentati volentieri dai bambini e i collegi, spesso, dai ragazzi. Dunque meglio sapere che anche quelle zone non sono sempre franche. Dunque meglio chiarire, una volta per tutte, che chiunque si lasci cadere dentro un peccato così  letale deve essere trattato in modo radicale e definitivo. Dunque allontanato dalla sua "attività" e non solo spostato da una parrocchia all'altra, come, a quanto pare, è accaduto troppo spesso nel mondo. E anche in Italia.

Rischiando, come d'abitudine, di essere impopolare, ritengo  forse  più  colpevole chi nasconde, chi mette a tacere per non infiammare lo scandalo. Molto più criminale chi non protegge le vittime. Lo dico a ragion veduta. Mi è accaduto tempo fa di incontrare un prete che si è trovato invischiato in una storia terribile e dolorosa. Cresciuto in un seminario a contatto perenne e infinito con maschi, e poi con ragazzi, questo seminarista ha coltivato l'omosessualità come unico modus di esprimere la sua emotività.

Cresciuto, è stato messo dai superiori a dirigere un reparto sportivo con bambini e ragazzini. "Padre, quando sono con i bambini mi sento male: provo un'attrazione malsana, sudo, mi aiuti" ha detto, chiamiamolo don Antonio, al suo confessore. La risposta fu: "Devi combattere la tentazione, figliuolo". Don Antonio non fu capace di combattere la tentazione, e dopo vari "incontri" con bambini sportivi uno di questi lo denunciò finalmente ai genitori. Da lì lo scandalo e la radiazione del prete che, prima di essere spedito non so più dove, mi contattò per raccontarmi, mantenendo l'anonimato su tutto e su tutti, la sua storia.

Ora, ribadisco, io credo che il filmato della Bbc servirà invece molto alla Chiesa e ai suoi soldati: dopo una mazzata di tale tipo potrà fare tesoro e attenzione a rischi e pericoli. Ah, volevo dire: è stato bravo monsignor Fisichella. La sua indignazione ha convinto molti e il suo dolore era autentico. Infine mi unisco a Sandro Curzi quando dice che dedica la trasmissione a tutti i missionari che danno la propria vita, l'amore e la felicità, ai bambini del mondo. Aggiungerei alla dedica anche tutti i preti onesti, la maggior parte credo, che tanto lavorano nelle parrocchie e che, come pochi, sanno  inventare e nutrire le esistenze della povera gente.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna