del

Problemi di organizzazione? Affitta una moglie!

di Giulia Blasi
Vota la ricetta!

Un gruppo di signore americane si è inventata un servizio di "mogli saltuarie" per supplire ai problemi organizzativi. Perché una moglie, se no, a cosa serve?

Un gruppo di signore americane si è inventata un servizio di "mogli saltuarie" per supplire ai problemi organizzativi. Perché una moglie, se no, a cosa serve?

Un caffè con Donna Moderna

Comincia tutto con una discussione in cucina fra Kay Morrison e suo marito: troppi impegni, due bambini piccoli da accudire, una casa da mandare avanti, insomma, non ce la facciamo proprio. Ci servirebbe una occasional wife, una moglie saltuaria, dice lui, citando il titolo di un'oscura sitcom degli anni '60.

Così nasce un concetto imprenditoriale: Kay Morrison, con l'aiuto di Mary Fuchs Gaudin e Ginger Ellis, ha aperto The Occasional Wife, un servizio specializzato in tutto quello che un'ideale padrona di casa dovrebbe saper fare. Dall'organizzazione di feste e rinfreschi alle decorazioni festive alle commissioni, passando per la preparazione di una casa all'arrivo di un bambino e la liberazione della casa dalle carabattole, fino a un generico "Tutto quello che non avete tempo di fare". O meglio, con non poca ironia, tutto quello che una moglie è normalmente tenuta a fare gratis, tempo o non tempo.

Il concetto è quello di moglie come creatura aggraziata ed efficiente, in grado di provvedere ad ogni esigenza della casa e della famiglia con creatività, tempestività e praticamente a costo zero: perché la colf costa, e non è tenuta a coccolarti quando ha finito. La moglie sì. Moglie come accessorio indispensabile della casa, tanto che anche le donne in carriera - che mogli a volte lo sono, ma in formato light - ne sognano una extra, pronta a servire anche loro e a defilarsi quando non è più necessaria. Una moglie saltuaria, appunto, ché una regolarmente installata, per quanto più economica, può generare problemi se a sua volta pretende di avere un lavoro, una carriera, una vita al di fuori delle mura domestiche.

Ironia a parte, è interessante notare come il concetto di moglie conservi delle sfumature così vintage, tanto da spingere il pianista Wonny Song a lanciare un revival della scuola di buone maniere per signorine dai dieci ai quattordici anni, detto Make-over Camp: qui vengono mandate le più inveterate maschiacce, per insegnare loro come essere delle perfette piccole ladies in grado di intrattenere gli ospiti con classe ed eleganza. Perché mogli perfette mica si nasce, si diventa.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna