del

Il raffreddore? Questione (soprattutto) di sonno

di Emanuela Di Pasqua
Vota la ricetta!

Dormire poco aumenta di quattro volte il rischio di prendersi il raffreddore. Lo sostiene uno studio dell’Università di California

Un caffè con Donna Moderna

Dormire poco aumenta di quattro volte il rischio di prendersi il raffreddore. Lo sostiene uno studio dell’Università di California

Che il sonno sia cruciale e terapeutico per vivere sani è sempre più evidente, per mille ragioni, psicologiche e fisiche. Ma l’ultima notizia, che cita uno studio della University of California di San Francisco pubblicato sulla rivista Sleep, dimostra per la prima volta che lo scarso riposo accresce di oltre quattro volte il rischio di soffrire di un malanno comune come il raffreddore. Più dello stress, della cultura, del reddito, della provenienza etnica o del fumo (fattori che influenzano molti disturbi).

Insomma, ora che inizia l’autunno e si affacciano i primi raffreddori, gli esperti consigliano prima di tutto di dormire, più ancora che di coprirsi a sufficienza. I ricercatori hanno utilizzato l’actigrafia (device da indossare durante il sonno per registrare i movimenti del corpo e quantificare le effettive ore di sonno trascorse immobili) su un campione di 164 volontari sani osservati per una settimana. In una seconda fase dell’esperimento gli scienziati hanno poi isolato uno a uno i volontari, infettandoli artificialmente con il virus del raffreddore e studiandone le reazioni. A conclusione dell’esperimento è emerso che coloro che risultavano aver dormito meno di 5 ore mostravano una propensione maggiore ad ammalarsi del 4,5 per cento in più rispetto a coloro che avevano dormito più di 7 ore.

Secondo Aric Prather, ricercatore della Uc San Francisco alla guida dello studio, «troppo spesso il sonno viene trascurato rispetto ad altri indicatori di salute e questa ricerca dimostra praticamente quanto sia invece basilare per stare bene». Il tempo limite viene indicato dagli esperti in 6 ore, ma è superfluo dire che più si dorme e meglio è. E poi vale la pena ricordare che un sonno insufficiente è collegato all’obesità, agli incidenti stradali, alla morte prematura, agli errori medici, alla depressione e persino ai disastri industriali. È sufficiente la lista?

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna