del

Se accusano noi donne di usare certi mezzi per arrivare in alto, è anche colpa nostra?

di Laura Carcano
Vota la ricetta!

Parliamo di carriera declinata al femminile e, guardacaso, anche di compromessi sessuali per raggiungere il potere. Vi abbiamo posto una domanda provocatoria: Noi donne siamo davvero così innocenti? Ecco cosa ne è venuto fuori...

Parliamo di carriera declinata al femminile e, guardacaso, anche di compromessi sessuali per raggiungere il potere. Vi abbiamo posto una domanda provocatoria: Noi donne siamo davvero così innocenti? Ecco cosa ne è venuto fuori...

Un caffè con Donna Moderna

Abbiamo parlato in redazione della vicenda delle recenti intercettazioni. Delle donne accusate di raggiungere il potere grazie ad affari di letto ciascuna ha detto la sua. Sono volate così, nell'ordine a) qualche battuta piccante, b) commenti sugli uomini adulterini ma moralisti c) non poche considerazioni sulla discutibile preparazione di certe signore della politica... Le solite chiacchiere tra femmine, insomma. Ma, stavolta abbiamo provato a guardarci onestamente in faccia e a porci la sola domanda che davvero conta: noi donne siamo davvero così innocenti? Se ci accusano di usare certi mezzi per arrivare in alto, è anche colpa nostra?

Questa tesi provocatoria la abbiamo rilanciata alle nostre lettrici nei forum, che a loro volta si sono schierate in difesa o all'attacco. Galluse è la prima a dirci la sua al riguardo e difende il diritto a ottenere il potere, alla stregua dei maschi «No, non siamo innocenti. Ma se per arrivare al potere siamo disposte a usare quegli stessi mezzi che userebbero gli uomini, anche quelli poco leciti, o immorali... Che male c'è?». Anche Persefone trova la risposta nel confronto con gli uomini «E' umiliante sapere che una ragazza debba fare certe cose per arrivare dove uomini assai più scemi di lei arrivano senza fare un beato nulla». Verdeverde non accetta che il fine giustifichi i mezzi «Ci sono donne innocenti e che difficilmente fanno carriera, ma quando la fanno è tre volte più meritata che se fossero uomini, e ci sono donne che non hanno alcuna capacità, volontà, coraggio, dignità che pur di arrivare alla meta finale sono disposte a vendersi. Naturalmente per queste non nutro neanche un briciolo di stima». Secondo fiamma_63 le donne al potere sono in qualche modo orribili, comunque raggiungano la loro posizione «Una volta arrivate non aiutano le altre donne, non vogliono condividere con altre la loro condizione privilegiata!». Stefina «Ognuno gioca le sue carte... La furbizia delle donne e la cattiveria arrivano ovunque. Salvo poi arrivare sul campo e dimostrare... Niente!». Ma possibile che capiti solo alle donne di dover scegliere se scendere a compromessi sessuali o meno? Ancora secondo Stefina è solo una questione di numeri: «Gli uomini si salvano solo perché ci sono meno donne al potere a richiedere certe "prestazioni". Altrimenti, sono certa che anche i maschietti finirebbero in questa conversazione».

Su Donna Moderna in edicola da domani troverete a p.88 il sovversivo (in quanto rigira la questione insinuando il sospetto la colpa sia delle donne) articolo di Annalena Benini sull'argomento.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna