Se non c’è il consenso a ricevere pubblicità, è social spam

Credits: Shutterstock
/5
di

Giovanni Ziccardi

Il 30 gennaio si celebra la Giornata europea della protezione dei dati personali. È stata istituita nel 2007 per sensibilizzare gli utenti digitali sui diritti legati alla tutela della privacy. Ne approfittiamo per ascoltare i consigli dell'esperto, Giovanni Ziccardi

Un'opinione di:
Docente di Informatica giuridica...

Anche se l’indirizzo di posta elettronica di un utente è visibile su un social network o su un sito web, non può essere utilizzato per inviare pubblicità. Lo ha ribadito il Garante per la privacy nelle scorse settimane, intervenendo sul problema della “social spam”.

Il caso riguardava un’azienda che ha utilizzato oltre 100.000 indirizzi email recuperati dai social network per inviare ad altrettanti utenti le proprie proposte commerciali. Il Garante ha richiamato la società ricordando che l’iscrizione a Facebook o Twitter non implica automaticamente il consenso a ricevere pubblicità da terzi: per inviare comunicazioni o promozioni a un utente è necessario avere ottenuto un suo ok esplicito.

L’idea per cui tutto ciò che è in rete sia liberamente utilizzabile è dura da sradicare, ma simili interventi del Garante servono a riportare chiarezza sui diritti e sui doveri della vita online.

Leggi anche - Stop allo spam dai siti di e-commerce

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te