del

Stare in casa è il nuovo uscire? Tutt’altro

di Annalisa Monfreda
Vota la ricetta!

Lo lascia intuire il successo di un gruppo Facebook popolatissimo. Adesso se n'è accorto pure il New York Times. Ma come si fa quando i figli sono troppo creativi e i genitori troppo disordinati?

Lo lascia intuire il successo di un gruppo Facebook popolatissimo. Adesso se n'è accorto pure il New York Times. Ma come si fa quando i figli sono troppo creativi e i genitori troppo disordinati?

Un caffè con Donna Moderna

Monfreda Annalisa
Un'opinione di

Annalisa Monfreda

Direttrice di Donna Moderna e Starbene, moglie di un sociologo prestato alla consulenza digitale e...

Scrivo all'indomani di un weekend di clausura forzata. I primi due giorni di caldo sole primaverile dopo che il ciclone Poppea ci ha lungamente inzuppati, lasciando sul tappeto la Settenne. Mal di gola e febbrone. Ergo: tutti in casa per il weekend.

Ma i malanni dei piccoli, lungi dall’essere invalidanti, hanno l’effetto di un boost creativo. E così: forbici, carta, colla, colori, nastri, adesivi, tempere. Alla domenica sera: splendidi manufatti, casa inagibile.

Ho finto di non accorgermene e goduto di tutto ciò che la contemporaneità offre.

Ho cenato con i piatti del mio ristorante preferito ordinandoli su un’app di consegna a domicilio.

Ho visto per la prima volta l’intera saga di Star Wars, scaricandola su Google Play.

E ho letto, letto, letto senza dover andare in edicola.

Soddisfatta? Non proprio.

Eppure, secondo il New York Times, avrei trascorso un weekend molto cool.

Per gli americani Stare a casa è il nuovo uscire, come titola un articolo in cui si dice:

«Il cibo, il divertimento, il romanticismo: i fondamentali del nostro weekend sono ora disponibili su richiesta. La forza centripeta delle nostre case non è mai stata più forte».

E lo pensano pure gli italiani, a giudicare dal grande successo della pagina Facebook Stare in casa is the new uscire: 70.000 fan che condividono la filosofia della fondatrice, ovvero che non esiste un luogo di godimento che possa competere con la casa.

Ed eccola lì, la falla. Il punto è che con due bambine e un’indole profondamente disordinata, la casa per me non è affatto uno spazio di godimento, ma un terreno minato dove stare attenta a ciò che calpesto.

Un luogo dove tutto quello che mi occorre non è mai al suo posto.

E dove qualsiasi angolo-rifugio va prima liberato da ciò che lo occupa abusivamente.

E poi concordo con Molly Young, che alla fine del suo pezzo sul New York Times dice:

«Uscire è il modo in cui cresciamo, sfidiamo noi stessi e scopriamo cose che non sono state costruite su misura per i nostri interessi da un algoritmo».

«Mamma, questo weekend è sembrato lunghissimo» mi ha detto la Settenne domenica sera.

«Non dirlo a me, tesoro».

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna