Login Registrati
Facebook Twitter Instagram Pinterest Google Plus
Abbonati
Cosa vuol dire vivere con un disabile: il video

Cosa vuol dire vivere con un disabile: il video

Credits: Settimio Benedusi
06.10.2017 di Barbara Rachetti

La Lega del Filo d'Oro lancia la campagna “Insieme per loro”, che ha lo scopo di raccogliere fondi per terminare la costruzione del nuovo Centro Nazionale di Osimo, punto di riferimento per tante famiglie che vivono la disabilità. Il nostro progetto racconta, anche in video, le loro storie 

Le parole sono ponti che permettono a tante solitudini diverse tra loro di mettersi in comunicazione profonda. Le parole sono il primo passo per rompere l’isolamento di chi vive una condizione di disabilità. Questa convinzione mi ha accompagnato durante tutto il viaggio per l’Italia insieme alla Lega del Filo d’Oro. Attraverso le vite di genitori, figli e fratelli che ho incontrato, questo viaggio mi ha restituito una certezza: troppe madri, troppi padri soffrono in silenzio. Le loro storie devono essere raccontate, perché le famiglie con una persona disabile non si chiudano in un recinto, ma abbiano il coraggio di vivere in mezzo agli altri la propria condizione, con l’immensità dei valori che si portano dentro. Una condizione fatta anche di sofferenza, ma che nel tempo può illuminarsi. Può diventare gioia e consapevolezza, la capacità di guardare un figlio con amore e felicità, piuttosto che con amore e dispiacere, di osservare i suoi piccoli movimenti con una gioia vincente, di accontentarsi del poco (che diventa tanto) in un mondo che non si accontenta più.

Il nostro video racconta con le immagini di Settimio Benedusi le storie di queste persone, racconta come anche nelle situazioni apparentemente senza via d’uscita, si possano cogliere i progressi nei piccoli risultati, in uno sguardo, un silenzio, un movimento. Racconta quanto sia difficile definire la normalità, perché ogni persona con disabilità ha la “sua normalità”. E ciascuno deve provare, sapere quali sono le sue potenzialità e le sue risorse e farle diventare abilità. Ciò presuppone però una rete intorno di familiari, educatori, medici e fisioterapisti attenti e specializzati, in grado di riconoscere il problema, dargli un nome e mettere in atto subito le strategie giuste per sostenere la vita di tutte le persone coinvolte nella disabilità. Per aiutare le persone disabili e le loro famiglie, la Lega del Filo d’Oro lancia la campagna di raccolta fondi “Insieme per loro”, a cui si può contribuire con un sms o chiamata da rete fissa al 45543 dal 9 al 29 ottobre. La campagna ha lo scopo di raccogliere fondi per terminare la costruzione del nuovo Centro Nazionale di Osimo, permettendo così a un numero maggiore di bambini e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali di accedere alle cure riabilitative della Lega del Filo d’Oro.

La lega del Filo d’Oro, con le sue otto sedi nazionali, da più di 50 anni assiste, educa e riabilita le persone sordocieche e con deficit psicosensoriali, cercando di portarle all’autonomia per inserirle nella società. In Italia sono 189mila le persone sordocieche, di cui oltre la metà confinate in casa, non essendo autosufficienti.

Per informazioni: legadelfilodoro.it, numero verde 800904450

Guarda le storie del nostro progetto “Vivere con un disabile”

Vivere con un disabile: e se si tratta di un fratello? 

Vivere con un disabile: quando tutto dipende da una malattia genetica

Vivere con un disabile: la storia di Sofia

Vivere con un disabile: quando arriva l’adolescenza

Vivere con un disabile: quando sono gli altri a occuparsi di tuo figlio

Vivere con un disabile: cosa vuol dire avere una sorellina disabile 

Vivere con un disabile: quando diventi dipendente dagli altri

(in collaborazione con Lega del Filo d’Oro)

Riproduzione riservata
Outbrain

Altri approfondimenti

Correlate

Ti potrebbe interessare anche

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.