Ecco le nuove Barbie: come cambiano i modelli femminili

Credits: Shutterstock.com
/5
di

Eleonora Lorusso

Sempre meno principesse, sempre più scienziate e "donne ribelli": anche Barbie si adegua al cambiamento del modello femminile

La Barbie cambia. Nell'era del nuovo femminismo, le nuove eroine Mattel sono la pittrice e attivista femminista Frida Kahlo e l'imprenditrice tedesco-iraniana Leyla Piedayesh, la scienziata della Nasa Katherine Jonhson e l'etoile del San Francisco Ballet Yuan Yuan Tan, ma persino il capitano della Nazionale italiana di calcio femminile Sara Gama. La storica Barbie, bambola dalle forme perfette (e impossibili) si rinnova: sempre meno principessa, sempre più donna reale, tanto da assumere le sembianze di personaggi femminili della vita contemporanea che si sono affermate con la loro personalità, superando barriere razziali e di genere.

"Stiamo assistendo ad un cambiamento lento, ma progressivo, che ha avuto un'accelerazione nell'ultimo periodo con la campagna #MeToo. Già da tempo esistevano modelli pionieri che indicavano alle bambine, alle giovani e alle donne strade diverse, ma la storia della bambola Barbie rappresenta una novità anche nel modo di giocare: il mondo irrealistico e stereotipato delle fiabe ha ceduto il passo a un rapporto diretto con il mondo reale, anche e soprattutto grazie al web. I bambini cominciano presto e confrontarsi con la Rete e hanno davanti a sé modelli più differenziati rispetto al passato" spiega a Donna Moderna Ugo Volli, docente di Semiotica alla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università di Torino.

Le nuove Barbie

Per la bambola della Mattel si tratta dell'ultima rivoluzione, dopo quelle iniziate con l'introduzione dei modelli curvy (dalle forme più morbide e generose), tall e petit (rispettivamente alta e minuta) e multietnici. Come spiegato da Mattel che la produce da 59 anni, i 17 nuovi esemplari sono stati ispirati a donne che si sono distinte per le loro conquiste e le lotte contro pregiudizi di genere o razza. Secondo un sondaggio commissionato dall'azienda, l'86% delle madri chiede che le figlie possano ispirarsi a modelli reali. L'hashtag che ha accompagnato la presentazione social della nuova linea è eloquente, ovvero #MoreRoleModels. Lo stesso vale anche per lo slogan scelto: When a girl plays with Barbie, she immagine everything she can become. L'intento è quello di offrire esempi che vadano oltre quello della Barbie sposa, principessa, modella o persino shopping addicted. Mattel ha infatti varato il programma Shero (da She, Lei, e Hero, Eroina), realizzando delle bambole uniche dette Ooak, acronimo di One Of A Kind, ispirate a personaggi realmente esistenti o esistiti.

Anche un'italiana tra le nuove Barbie

Il risultato sono le 17 "donne in miniatura" che ricordano altrettante icone femminili del nostro tempo: la prima aviatrice donna della storia Amelia Earhart, la modella curvy Ashley Graham, l'artista e femminista Frida Kahlo, la pioniera matematica Katherine Johnson, la regista del film Wonder Woman Patty Jenkins, la chef Hélèn Darroze, la sciatrice statunitense Chloe Kim e la giocatrice di calcio italiana Sara Gama, capitano della squadra femminile della Juventus e della Nazionale che rappresenterà l'Italia ai Mondiali di calcio in Russia tra pochi mesi.
Proprio Gama è l'emblema della nuova eroina: 29 anni, nata a Trieste da padre congolese e madre italiana, si è distinta prima in alcune squadre locali, poi al Paris Saint Germain, per tornare in Italia, indossare la maglia azzurra della Under 19 ed essere convocata dal CT Antonio Cabrini con la Nazionale maggiore, di cui ora è capitano. "Anche lo sport ha avuto un contributo importante: in passato era uno spazio molto maschile, ma progressivamente si è aperto alle donne, con l'ingresso delle prime giornaliste sportive, ma anche grazie ai risultati nelle competizioni. Molte atlete rappresentano nuovi modelli di femminilità vincente" dice l'esperto di comunicazione.

Nessuna barriera geografica o politica

Sara Gama rappresenta un esempio di integrazione e superamento delle barriere razziali, oltreché dei pregiudizi di genere, dal momento che è una donna che eccelle in uno sport ancora appannaggio del mondo maschile. Mattel ha scelto anche altre sportive, attrici o ballerine da ogni angolo del pianeta: nella nuova collezione ci sono infatti anche Tan Yuan Yuan, etoile del San Francisco Ballet di origini cinesi, proprio come Guan Xiaotong, popolare attrice e ambasciatrice ONU in occasione del World Life Day 2017. Tra le nuove eroine c'è posto anche per Ibtihaj Muhammad, campionessa di scherma che indossa il velo.

Chi sono i nuovi modelli femminili, tra attrici e fashion blogger

Se un tempo le icone femminili erano rappresentate soprattutto dalle attrici di Hollywood (o di Cinecittà per quelle "nostrane"), oggi sono diversi i modelli ai quali teenagers e giovani adulte possono ispirarsi: influencerfashion blogger hanno superato le star della tv e del cinema? I profili Instagram sono il nuovo specchio nel quale ammirare (e di riflesso ammirarsi, emulando) le celebrities? "Se parliamo di moda è chiaro che le fashion blogger contano molto perché una delle fonti di comportamento collettivo sono le comunicazioni e in particolare, nella nostra società, il linguaggio delle immagini. Un tempo le giornaliste di moda erano signore di grande intelligenza che raccontavano senza apparire fisicamente. Ora c'è confusione di ruoli, perché fanno loro stesse da testimonial. Viviamo, però, in un mondo in cui i modelli sono molto differenziati e internet contribuisce alla diversificazione: oggi una ragazza si trova davanti a un "supermarket" molto vasto di esempi da seguire, ma può sceglierne più di uno e mischiarli tra loro. Ad esempio può preferire il taglio di capelli di una star, ma seguire il modo di vestire di un'altra. Spesso, poi, le mode e i modelli si trasmettono orizzontalmente, all'interno di una stessa comunità di amici, che grazie a Facebook diventa sempre più allargata e internazionale" spiega il semiologo.

Via i tacchi alti, largo alle sneakers

Accanto ai progressi sociali, ci sono cambiamenti relativi alla moda, che spesso rappresentano lo specchio delle conquiste femminili. Un fenomeno al quale si sta assistendo è una parziale sostituzione delle scarpe coi tacchi, simbolo di femminilità, con le più comode sneakers. A rilevarlo è il Washington Post, citando i dati di una ricerca condotta negli Usa da NPD Group, che certifica un calo del 12% nel 2017 nelle vendite di scarpe coi tacchi, a fronte invece di un aumento del 17% nelle richieste di scarpe casual. Il fatto di trascorrere sempre meno tempo seduti a una scrivania, di avere una vita molto dinamica, insieme alla tendenza a sostituire il vecchio tailleur con un abbigliamento più informale, hanno contribuito al cambiamento. A livello mediatico, poi, sono aumentati i messaggi che invitano a condurre uno stile di vita più sano e a praticare più sport, con una crescita sempre maggiore del mercato del fitness.
Anche tra i capi di abbigliamento sembra ci siano sempre meno distinzioni tra quelli femminili e quelli maschili, con contaminazioni sempre più frequenti. Ma basta tutto ciò a spiegare le nuove tendenze?

Le nuove scelte delle donne

"Bisogna fare attenzione a non pensare che la "liberazione" dai modelli tradizionali femminili coincida con un appiattimento su quelli maschili. Quello che è cambiato non è tanto il fatto di non portare più il tacco, quanto di scegliere quando utilizzarlo. La donna oggi gioca come in un bricolage, mette insieme elementi differenti e crea delle identità provvisorie: può indossare capi sportivi o sexy, o optare per l'unisex. Se è vero che si vendono meno gonne e  scarpe, è frequente che una ragazza scelga le sneakers per andare all'università o al lavoro, ma preferisca il tacco quando esce alla sera.
Lo stesso tacco, così come la biancheria intima, gli abiti femminili o le scollature oggi possono essere scelti come simbolo di affermazione della propria personalità, identità e potere: non sono più visti come "obbligo" per apparire carine o seduttive nei confronti di una controparte maschile, ma solo per auto-affermarsi con se stesse" spiega l'esperto di comunicazione.

Tradizione e innovazione: Kate Middleton o Meghan Markle?

C'è chi si è chiesto se le nuove tendenze siano tali da innovare anche uno degli ambienti più formali e tradizionalisti al mondo, come Buckingham Palace che, con l'arrivo di Meghan Markle, sta vivendo una piccola grande rivoluzione. Non sono passati inosservati ai media britannici lo stile e i gesti della fidanzata di Harry, così lontani dal galateo reale: ad esempio, Meghan Markle indossa con disinvoltura (e una certa frequenza) i pantaloni, che invece non sono permessi alla cognata Kate Middleton, se non in rare occasioni specifiche. E' vero che la moglie di William, in quanto consorte dell'erede al trono, deve attenersi a un rigido protocollo, che ad esempio le impedisce di portare borse a tracolla o di portare gonne e abiti senza calze, come invece ha fatto Meghan. Ma anche il fatto che quest'ultima si sia più volte lasciata andare ad abbracci in pubblico è stato notato (e stigmatizzato).

La fidanzata di Harry è ritenuta una figura più "ribelle" (o realistica?): lei ha lavorato e Kate no, e proviene da una famiglia allargata con origini afroamericane. "Certo le figure di potere istituzionale e di prestigio, come la cancelliera tedesca Merkel, hanno meno appeal rispetto ad altre più capaci di "scherzare". Ma anche l'ultima generazione di donne in politica è caratterizzata dall'essere piuttosto assertiva e dal non avere complessi di inferiorità. Questo vale anche nel mondo dello spettacolo, come ha confermato Michelle Hunziker al Festival di Sanremo: queste donne hanno in comune il fatto di non avere paura e di sapere anche un po' giocare col proprio aspetto fisico" conclude Volli.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te