Che scoperta il guaranà!

Credits: Shutterstock

Semi di guaranà

/5
di

Geppi Cucciari

C'erano una volta l'origano, il prezzemolo, il basilico. Poi sono spuntati lo zenzero e la curcuma. Adesso è la volta di recuperare anche il guaranà. Vediamo perché

Un'opinione di:
Sarda «con orgoglio», dopo la laurea in Legge a Milano, è entrata a far parte del famoso...

Fino a qualche tempo fa l’origano, il prezzemolo, il basilico erano gli unici rametti presenti in varia forma nelle nostre cucine. Ma negli ultimi anni periodicamente si aggiunge un elemento da inserire nell’alimentazione senza il quale puoi considerarti una nullità.

Lo zenzero fa ormai parte della nostra quotidianità: in polvere, tritato, in pastiglie, inalato, anche sotto forma di chewing gum. Di recente l’ha affiancato la curcuma: gli estremisti non solo l’aggiungono a verdure e stufati vari, ci allungano anche il latte.

Da segnalare poi la recente riscoperta del guaranà, capace di garantire concentrazione e rinforzare la memoria. Perché - ed è una delle cose che pesa di più con l’andare degli anni - non ci spiega come sia possibile ricordare tutti i nomi degli 8 fratelli della famiglia Bradford e dimenticare quello del protagonista del film visto il giorno prima al cinema, il compleanno di un amico, il Pin del cellulare... Ma questo succede perché non lo spegniamo mai, temo.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te