Vuoi dimagrire? Se non ami il running prova il trampolino

Credits: Shutterstock
/5
di

Barbara Rachetti

Saltare sul tappeto elastico è una bella soluzione, pratica e low cost, per chi non ama la corsa e vuole bruciare e tonificarsi

Un'opinione di:
Il running è la sua passione. Mamma di due ragazzine, ama tutti gli sport (tranne il calcio), il...

Per dimagrire e tonificare tutto il corpo c'è un'alternativa alla corsa (l'attività ideale per perdere peso). Perché non è affatto scontato che tutti amino correre, questo va detto. Ecco, per tutte le donne che "il running, no grazie", c'è il tappeto elastico: garantisce gli stessi risultati con uno sforzo pure inferiore e un certo risparmio sulle articolazioni.

È una tendenza in crescita perché quest'attrezzo si può acquistare a poco prezzo (dai 60 euro in su, anche online), si può tenere a casa anche sotto il letto (il modello con le gambe ripiegabili) e tirare fuori al momento di allenarsi. 


Il Rebounder (così si chiama per gli addetti ai lavori) è perfetto per chi è un po' in sovrappeso e cerca un’attività aerobica diversa dalle solite. Io per esempio, che resto comunque fedele alla corsa (e qui vi spiego perché sempre più donne amano il running), lo uso quando piove: infatti mi permette di fare un allenamento molto simile restando a casa. Anzi, per certi versi è pure più efficace della corsa. Volete sapere perché?

1) Saltare sul trampolino è un’attività aerobica molto intensa, che però stanca meno della corsa perché la risposta elastica del tappeto abbatte la fatica e lo sforzo.

2) Il trampolino fa dimagrire perché permette di bruciare il 30% di calorie in più rispetto alla corsa o ad altre attività aerobiche. Come mai? Facendo menbo fatica, si riesce a mantenere il ritmo costamza, senza pause. E quindi si attinge alle riserve di grasso.

3) Il trampolino tonifica cosce, gambe, glutei e addominali molto più in profondità perché la superficie d’appoggio è instabile, quindi ogni salto costringe il corpo a microaggiustamenti che fanno usare anche muscoli in genere non sollecitati: soprattutto gli addominali obliqui, che a noi donne stanno molto "a cuore" perché sono quelli che definiscono il punto vita, difficile da tonificare.

4) Il trampolino riduce la cellulite perché stimola il sistema linfatico: rimbalzare provoca un pompaggio della linfa a livello dei piedi che si ripercuote sulle gambe, facilitando lo smaltimento dei liquidi di scarto.

5) Il trampolino migliora l'osteoporosi. Sapete che l'hanno scoperto alla Nasa, studiando il fisico degli astronauti? Si è confrontata la loro densità ossea durante le missioni spaziali (quando è minima, a causa dell'assenza di gravità) con lo stesso parametro al ritorno dallo spazio, mentre si allenano proprio al trampolino. I miglioramenti sono significativi, fino al 30 per cento di massa ossea in più. Vuol dire che lo scheletro risultava più forte e resistente.


Insomma, sembra l’attività ideale per perdere peso e rimettersi in forma. In effetti è così. Funziona. Io personalmente lo trovo molto divertente, anche se poi il benessere che mi dà uscire e correre al parco per me è insuperabile (ma è davvero una questione personale). La sensazione di leggerezza che ti senti addosso dopo un allenamento anche solo di 20 minuti è davvero “una botta di vita”. E 20 minuti bastano davvero: non occorre arrivare alla classica mezz'ora.


Lo consiglio quindi a chi vuole bruciare grassi e magari è un po’ in sovrappeso perché, rispetto alle attività ad alto impatto, le articolazioni restano più al sicuro. Diciamo che è un’alternativa più divertente al tapis roulant o a un qualsiasi corso di aerobica, e ti dà la libertà di farlo quando vuoi. E sicuramente è l’ideale per chi non ama correre. Io, però, che sono tra i #runlovers, non faccio parte di questo gruppo...



Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te