Come proteggere la privacy: ecco le app contro i ficcanaso

Credits: Shutterstock
/5
di

Giovanni Ziccardi

Vuoi evitare che occhi indiscreti vengano a conoscenza dei tuoi dati riservati? Ora ci sono app di sicurezza con cui si può bloccare l’accesso a specifici file o programmi

Un'opinione di:
Docente di Informatica giuridica...

I dati contenuti nel nostro smartphone non vanno protetti solo dagli hacker, ma spesso anche dai ficcanaso, compresi parenti e amici. Per evitare che occhi indiscreti vengano a conoscenza dei nostri dati riservati, sono state create alcune app di sicurezza con cui si può bloccare l’accesso a specifici file o programmi. Tra le più scaricate c’è AppLock, (disponibile per Android e per iOS).

Il funzionamento è molto semplice: basta impostare una password e scegliere quali app, video e foto proteggere da accessi non autorizzati. Da quel momento in poi per aprire quei contenuti occorrerà inserire il codice segreto. AppLock consente anche di disattivare il collegamento a bluetooth e wi-fi.

Una funzione interessante è, infine, quella che scatta un selfie a chi cerca di inserire una password e sbaglia: potremo così identificare la persona che ha tentato l’accesso.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te