La valigia del rientro

Credits: Shutterstock
/5
di

Geppi Cucciari

D’estate l’arte di fare i bagagli diventa primaria anche per evitare discussioni in famiglia. Leggi il commento divertente di Geppi Cucciari

Un'opinione di:
Sarda «con orgoglio», dopo la laurea in Legge a Milano, è entrata a far parte del famoso...

Uno dei video più cliccati nella storia di YouTube insegna come piegare i vestiti per riporli con grande spirito ottimizzatore nelle valigie. D’estate l’arte di fare i bagagli diventa primaria anche per evitare discussioni in famiglia. Gli uomini con 3 camicie, 1 bermuda, 1 pantalone, 3 mutande e 2 paia di calzini sono capaci di tirare avanti per un weekend o 3 settimane.

Le donne no. Il tutorial di cui sopra insegna ad avvolgere le mutande in loro stesse infilandole dentro i calzini e mostra come una maglietta può occupare lo spazio di uno stuzzicadenti. Si raccomanda quindi raziocinio nel riempire trolley e zaini, ricordando che le cose sporche tendono a dilatarsi, che difficilmente sfoggeremo quell’abitino a 3.000 metri, che al mare si passa l’80% del tempo scalze.

Capitolo a parte, i souvenir: per una strategia tramandata oralmente di madre in figlia, vanno infilati nottetempo nella valigia del maschio. Che, al rientro, verrà assalito dal dubbio che il bagaglio portato a casa non sia il suo.


Scrivi a dilatua@mondadori.it

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te