Il segreto del buon sesso 

Per  avere una vita sessuale appagante e fare ottimo sesso non servono  strategie né peripezie da circo: basta parlare il linguaggio del corpo

di Sofia Natella  - 25 Agosto 2010
Credits: 

Fotolia

 

Fare ottimo sesso non sarebbe così complicato, se ci accontentassimo di  viverlo, invece di cercare a tutti i costi di capirlo, prima, dopo e persino durante.È un istinto naturale, dopotutto, ma c’è anche un’altro  istinto - il semplice pensare, cosa che soprattutto noi donne facciamo fin troppo  - ci spinge fare domande o a credere che tutto sia complesso come il  nostro cervello.

Così, ci arrovelliamo, chiedendoci: “cosa piace ad un  uomo?” o “Qual è il segreto per impazzire a letto?” e siamo avidi di  scoprire la misteriosa risposta: un consiglio, una frase che di colpo ci risolva la vita e il sesso con tutti i suoi dubbi.

Potremmo quindi restare un po’ perplessi, se non delusi, scoprendo che le risposte alle domande complicate sono spesso molto semplici. Lo dimostra  anche la sessuologa e terapista Isadora Altman, in un articolo comparso di recente su Psychology Today e intotolato: The Secret of Good Sex.

   

Partendo dal presupposto che “non c’è nulla di più individuale dei  gusti sessuali e del piacere” - quindi che non ci sono risposte specifiche che vadano bene per tutti, ma risposte generali che si possono adattare alle differenze individuali - la Altman rivela che il segreto del buon sesso è (rullino i tamburi, prego)...

   

FARE ATTENZIONE

 

Facciamo un passo indietro. Secondo la Altman, quello che spesso rovina - o  sbiadisce - le gioie del sesso è per le donne non sentirsi a proprio agio con il proprio corpo, per gli uomini l’ansia da  prestazione. Ovviamente ci possono essere delle eccezioni e a creare  “fastidio” sarà questa o quell’altra cosa, ma in entrambi i casi si  tratta di timori che portano a rivolgere l’attenzione verso l’interno, a  chiudersi in sé stessi, a concentrarsi sulla paura e non sui desideri, o le sensazioni, o il partner.

Sono pensieri negativi che deviano il  piacere, lontano.

Ma “se si presta pienamente attenzione alle risposte fisiche del partner, non si  viene distratti da queste intrusioni poco produttive e in più si impara  molto riguardo quello che funziona davvero per il nostro piacere”.

Dovremmo quindi fare attenzione e notare se facendo la tal cosa il partner respira profondamente o meno, se si allontana o se cerca di  avvicinarsi sempre di più, se rivolge verso di noi, cercando la nostra  bocca, le nostre mani, e via dicendo. Lui farà lo stesso, dedicandosi a noi.

E  poi, una cosa davvero importante: se il partner dà segni di piacere non vuol dire che devi fare quello che stai facendo più veloce o più forte, ma che devi fare esattamente come stai facendo ORA!

 

Infine,  la Altman aggiunge una piccola nota: il sesso dev’essere illuminato di  legerezza, sorrisi e risate. “Avere sense of humor riguardo il sesso è un ottimo indicatore che qualsiasi cosa succeda, sarà un’occasione godibile per entrambi”, “ridere insieme sul fare l’amore può essere anche meglio di un orgasmo simultaneo”.

   

Riassumendo, i segreti del buon sesso sono: fare attenzione, e divertirsi. Semplice, no?

   

Voi cosa ne pensate? Qual è il vostro segreto per fare del buon sesso?

   

PS:  come potrete intuire, con il mio lavoro non cerco di dare delle regole,  ma degli stimoli. Da cogliere o meno, da speriementare o collaudare,  per scoprire in pratica chi siamo,  come vogliamo vivere la nostra vita e  come possiamo goderne al massimo. Non solo a letto.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/Eros-psiche/segreto-buon-sesso$$$Il segreto del buon sesso
Mi Piace
Tweet