Chi ama non è complice delle debolezze altrui 

Lui non ha fatto carriera ma, quando sono in compagnia, millanta successi professionali inesistenti. Inventa situazioni difficili che dice di aver risolto con abilità. Rita assiste silenziosa alle esibizioni del marito...

di Gianna Schelotto  - 05 Dicembre 2008

Giulio e Rita sono sposati da circa tre anni. Lui non ha fatto carriera ma, quando sono in compagnia, millanta successi professionali inesistenti. Inventa situazioni difficili che dice di aver risolto con abilità. Rita assiste silenziosa alle esibizioni del marito, non precisa e non smentisce e qualche volta con cenni del capo mostra assenso e rinforza le bugie di lui. Quando restano soli ognuno si comporta come se non fosse accaduto nulla e la loro vita scorre sui placidi binari del non detto in apparente tranquillità. È comune tra le coppie che vengono da me scoprire questo tipo di complicità dietro a cui ciascun coniuge nasconde le proprie paure. Il primo passo è far loro vedere che alzare una barriera di insincerità, sia pure a fin di bene, mette in pericolo la fluidità e l'empatia del loro legame. Perché, domando al complice silenzioso, di fronte all'evidente bugia non reagisci e non indaghi? Naturalmente quando siete a tu per tu, non davanti a terzi. Ignorare questi segnali non è solo una fuga da eventuali tensioni ma anche un sottile gioco di potere: aver condiviso le debolezze dell'uno può far sentire più forte l'altro. Se anche a voi capita spesso di trovarvi in situazioni del genere, è importante tenere presente che la sotterranea alleanza allunga ombre sulle rispettive immagini di sé e inquina la qualità del rapporto. E, infatti, vi dico come è finita tra Giulio e Rita. Quando lui si è deciso ad ammettere che le sue bugie erano un modo per superare le frustrazioni dovute agli insuccessi, anche lei è riuscita a capire che la sua complicità era un modo per nascondere a se stessa il fatto che il suo uomo l'aveva delusa. E lo smascheramento reciproco li ha aiutati ad avviare un'utile revisione del loro rapporto.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/Single-e-coppia/chi-ama-non-e-complice-delle-debolezze-altrui$$$Chi ama non è complice delle debolezze altrui
Mi Piace
Tweet