• Home -
  • Salute-
  • Stress da rientro: mangi di più?

Stress da rientro: mangi di più? 

Il rientro dalle vacanze può essere un momento molto difficile a causa dello stress e dei doveri lavorativi. La dottoressa Simona Chiozzi, psicologa ABA, ci spiega come affrontare serenamente il rientro a casa

di Simona Chiozzi  - 14 Settembre 2010
Credits: 

Fotolia

 

Le vacanze sono finite per la maggioranza degli italiani, le città si ripopolano, le scuole e gli uffici riaprono e i ritmi frenetici prendono il posto delle lunghe passeggiate in montagna e delle rilassanti nuotate al mare.
 
Se al rientro in città e all’inizio della vostra attività lavorativa associate un repentino mutamento di umore, un senso di stordimento e vari disturbi gastrointestinali, allora rientrate in quella fetta di italiani (circa sei milioni, a conti fatti uno su dieci) colpiti dallo stress da rientro, quello che gli americani definiscono Post-Vacation Blues.
 
Il suggerimento è quello di evitare allarmismi: reagiamo infatti alle situazioni  in modo diverso, quindi niente panico.
A seconda delle risorse e delle energie che abbiamo a disposizione possiamo far fronte più o meno bene alle sfide di ogni giorno, come appunto alla ripresa dei ritmi quotidiani.
 
L'importante è arginare l'ansia che viene generata in diversi modi, per esempio mangiando smodatamente.
 
Una connessione diretta tra stress da rientro e disturbi alimentari risulta certo azzardata, ma laddove sia presente una disposizione a manifestare attraverso il cibo un eventuale disagio, è possibile che questo periodo si presenti come più critico di altri.
Quindi, proprio in questo periodo, è necessario prestare maggiore attenzione ai propri comportamenti a tavola, sapendo che l'ansia ci può giocare brutti scherzi.
In ogni caso è un disturbo che spesso dura un breve periodo, il tempo appunto di rientrare nella vita di tutti i giorni.
Nel frattempo, un piccolo consiglio può essere quello di vivere il pasto come un momento in cui staccare la spina dai mille compiti, scegliendo con cura e gusto gli alimenti, per condividere con amici e colleghi racconti ed emozioni legati ai viaggi, alle vacanze e non solo.
 
La tavola e il cibo non sono un impegno come tutti gli altri, ma un momento per tirare il fiato, rilassarsi e recuperare le energie, così da arrivare a fine giornata più sereni.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/anoressia-bulimia-disturbi-alimentaria-ansia-binge-craving$$$Stress da rientro: mangi di più?
Mi Piace
Tweet