• Home -
  • Salute-
  • Bambini: 3 milioni di malati cronici

Bambini: 3 milioni di malati cronici 

Cardiopatie congenite, diabete, leucemie colpiscono moltissimi bambini e i pediatri chiedono maggior sostegno per la ricerca

di Neva Ganzerla  - 22 Ottobre 2010
Credits: 

Fotolia

 

Aumentano ogni anni i casi di patologie croniche nella primissima età. Questo è ciò che è emerso dalle ricerche compiute dalle SIP Società Italiana di Pediatria riunita in questi giorni a Roma.
 
Se un tempo le malattie croniche erano tipiche della terza età, oggi sono 3 milioni i bambini che ne soffrono a causa di patologie mortali che la pediatria e la neonatologia riescono ad arginare ma non a risolvere.
 
Queste patologie rappresentano oggi la vera emergenza della pediatria: basti pensare alla capacità dei neonatologi di far sopravvivere, crescere e diventare adulti bambini che pesano meno di 1 Kg alla nascita, o agli straordinari progressi della cardiologia e della cardiochirurgia che consentono oggi di correggere cardiopatie congenite che fino a pochi anni fa erano incompatibili con la vita, ma che lasciano tracce per tutta la vita. E lo stesso vale per un gran numero di malattie genetiche, onco-emopatie, fibrosi cistica, deficit dell'immunità.
 
Non bisogna però dimenticare che i progressi della medicina sono stati innumerevoli, afferma Alberto Ugazio, presidente della SIP, e i dati sulla mortalità infantile dimostrano i grandi passi avanti fatti dai primi anni del '900: se a inizio secolo la mortalità infantile era pari a 174 casi su mille, negli anni '50 è passata a 52,7 poi a 4,4 nel 2001 e infine a 3,6 bambini su mille nel 2008.
"Nonostante ciò però, oggi forse ancora più di ieri, il bambino deve tornare al centro delle scelte sociali e politiche del Paese" sottolinea Ugazio, e anche la ricerca deve essere maggiormente sostenuta.
 
Se, da un lato, nelle società occidentali, le malattie infettive non sono più una priorità, dall'altro lato "Sono le malattie croniche complesse, che interessano circa 3 milioni di bambini, a rappresentare la nuova frontiera della pediatria. Molte malattie un tempo fatali, quali cardiopatie congenite, diabete, leucemie, oggi possono essere curate, ma sono diventate croniche. L'organizzazione sanitaria deve strutturarsi per garantire adeguate cure e continuità assistenziale", conclude Ugazio.
Oggi la prima causa di mortalità tra i 5 e i 19 anni sono i traumi, ma nella fascia 0-4 sono le malattie congenite a mietere vittime.
Leucemie e tumori, dopo il primo anno di vita, rappresentano la seconda causa di mortalità in tutte le fasce di età e i problemi respiratori la quarta causa.
La mortalità pediatrica per AIDS in 20 anni (dal 1980 al 2002) è diventata prossima allo zero.
Purtroppo aumenta invece l'incidenza dei tumori: ogni anno in Europa, si ammalano 140 bambini ogni milione tra gli 0 e i 14 anni.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/bambini-malattie-croniche-leucemia$$$Bambini: 3 milioni di malati cronici
Mi Piace
Tweet