Candida in gravidanza? Niente paura. 

Prurito, irritazione genitale... Sono solo alcuni dei campanelli di allarme dell’infezione da candida, che colpisce più frequentemente le donne durante gravidanza. Ma curarla è più semplice di quel che si pensa.

di DonnaModerna.com consiglia  - 13 Settembre 2011
 

La gravidanza, a causa delle variazioni ormonali e di ph, è una  condizione che favorisce la candida, tanto che molte donne hanno il primo episodio o una recidiva proprio durante la gestazione. La prevenzione in questo periodo è fondamentale: alcool, zuccheri, formaggi, carboidrati e lieviti possono favorire l’infezione, l’ideale è limitarli al massimo. Occhio anche all’ambiente caldo-umido: evitare jeans troppo attillati, collant, costumi bagnati, e biancheria sintetica. Un ultimo consiglio è quello di limitare, per quanto possibile, le tensioni: lo stress è il nemico numero uno del sistema immunitario, più di qualsiasi altro elemento esterno. Non bisogna dimenticare che in gravidanza si lotta per due e, quindi, sarà doppia anche la fatica accumulata.

Se, nonostante tutto, l’infezione compare, è bene correre ai ripari alle prime avvisaglie, consultando il proprio medico curante e affidandosi a una specialità probiotica in grado di creare un efficace effetto barriera. Così è Acticand ™30, una specialità in compresse vaginali che, grazie alla presenza di due microrganismi probiotici (Lactobacillus fermentum LF 10 e Lactobacillus acidophilus LA 02) produce un biofilm che riveste la mucosa vaginale instaurando un efficace effetto barriera nei confronti dei potenziali patogeni vaginali, e in particolar modo quelli della candida. In più, la sua formulazione in compresse leggermente effervescenti favorisce la creazione di un ambiente anaerobico garantendo un’efficace e uniforme distribuzione dei microrganismi probiotici sulla superficie vaginale

Durante la gravidanza, infatti, non si possono utilizzare terapie orali, ma sono vaginali. E, in particolar modo nelle recidive, ma anche come profilassi e prevenzione, si può ricorrere ai probiotici per ridare all’ecosistema vaginale il suo equilibrio dovuto soprattutto alla presenza dei lattobacilli. Al di là dei fastidi e dei bruciori, la consolazione è che la candida non è pericolosa per lo sviluppo del bambino. Al massimo, se l’infezione è presente durante travaglio, il neonato potrebbe contrarla al momento della nascita (condizione non grave) e sviluppare un’infezione micotica orale (il cosiddetto mughetto), facilmente curabile con una terapia locale.

.....................................................................

> Torna allo speciale e leggi gli altri articoli

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
Gli ultimi di
 
salute/candida/candida-in-gravidanza-niente-paura$$$Candida in gravidanza? Niente paura.
Mi Piace
Tweet