• Home -
  • Salute-
  • Cibo avariato? Guarda l'etichetta

Cibo avariato? Guarda l'etichetta  

Mozzarelle blu, salumi prodotti all'estero, pasta prodotta con grano di  provenienza ignota. Non fidarti. Mangia sano, mangia italiano

di Neva Ganzerla  - 21 Giugno 2010
Credits: 

Panorama.it

 

Dopo lo scandalo delle mozzarelle blu, Coldiretti lancia l'allarme e afferma che il falso Made in Italy riguarda una percentuale preoccupante dei prodotti sugli scaffali.
 
Infatti, ben il 50 per cento dei prodotti che acquistiamo facendo la spesa al supermercato è di provenienza ignota perchè non è obbligatorio riportarne l'origine geografica sull'etichetta.
 
La frode della mozzarella "blu" arrivata dalla Germania è solo la punta dell'iceberg: le contraffazioni riguardano in media due prosciutti su tre, ricavati da maiali allevati all'estero; un terzo della pasta  è fatta con grano straniero; il 75 per cento del latte a lunga conservazione e metà delle mozzarelle non sono italiani e perfino dei succhi di frutta bisogna controllare attentamente l'etichetta.
 
La tracciabilità dei prodotti promossa da Coldiretti ha obbligato i produttori di molti alimenti a dichiarare la provenienza geografica: carne bovina, ortofrutta fresca, uova, miele, latte fresco, pollo, passata di pomodoro, extravergine di oliva sono prodotti certificati.
 
Sebbene gli italiani dichiarino di preferire il prodotto locale e il 47 per cento della popolazione sia disposto a pagarlo fino al 30% in più, il problema della contraffazione persiste e colpisce soprattutto i prodotti lavorati, come latticini, salumi, pasta e succhi.
 
Secondo la Coldiretti gli italiani considerano il prodotto locale superiore in termini di qualità a quello straniero, perché rispetta leggi più severe ed è sottoposto a controlli che ne garantiscono maggior bontà e freschezza; un sondaggio di Coldiretti-Swg dimostra che il 97 per cento della popolazione considera necessaria l'indicazione di provenienza di ogni prodotto, soprattutto agricolo.
 
Grazie alle pressioni italiane, il Parlamento Europeo obbliga i produttori a indicare il luogo di origine e di provenienza di tutti i prodotti lavorati che contengano un solo ingrediente agricolo e di tutti quelli che contengano, anche in minima parte, carni, pollame o pesce e in Italia è stata recentemente approvata dal Senato la proposta di legge sull'etichettatura obbligatoria di origine degli alimenti.
 
Quindi: controllate sempre sull'etichetta l'origine e la provenienza dei prodotti. E diffidate dei supersconti: se il prezzo è troppo basso, c'è il trucco.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/cibo-avariato-traciabilita-coldiretti-mozzarella-blu$$$ Cibo avariato? Guarda l'etichetta
Mi Piace
Tweet