Come perdere 10 kg

Credits: Olycom
1 6

Quando sussiste la necessità di perdere 10 kg, è importante rivolgersi a uno specialista. Evitare le diete fai da te è la prima regola da seguire, per non rischiare di riprendere in brevissimo tempo tutto il peso perso (se non di più), oltre a trovarsi di fronte a carenze nutrizionali anche gravi.

L'esperto imposterà una dieta personalizzata, tenendo conto dello stato di salute (eventuali patologie, assunzione di farmaci, rischio cardiovascolare...) e del peso di partenza della paziente. Per potervi fornire alcune indicazioni generiche e corrette sulla dieta-tipo che permette di perdere 10 kg, abbiamo contattato il dott. Fabrizio Malipiero, dietista, nutrizionista e diet coach.

«Il tempo necessario per perdere 10 kg dipende da diverse variabili. Per esempio, dal peso di partenza del paziente o dalla sua età, da eventuali patologie in corso...Diciamo che, seguendo uno schema alimentare ad hoc, è possibile perdere circa 3 kg al mese. Questi tempi "lunghi" sono necessari affinché non si riacquisti in breve tempo tutto il peso perso, se non di più» afferma l'esperto.

/5

Perdere 10 kg si può, ma in un tempo ragionevole. Ne abbiamo parlato con l'esperto, scoprendo cosa e come mangiare per rivoluzionare (in meglio) la silhouette

 

Se si ha la necessità di perdere 10 kg, è importante affidarsi a un esperto per impostare la dieta dimagrante personalizzandola a seconda delle proprie esigenze (peso di partenza, eventuali patologie, assunzione di farmaci, abitudini, attività fisica praticata). In linea generale, sappiamo che per dimagrire una decina di chili, occorrono 3-4 mesi, con un dimagramento che si attesta attorno ai 3 kg al mese. Solitamente, la prima fase della dieta è più proteica, benché non esclusivamente proteica (restano la frutta tutti i giorni e cereali integrali una volta a settimana). Dopo un primo step più "drastico", si reintroducono i carboidrati con gradualità per evitare effetti "rimbalzo"

N.B. Le informazioni contenute nel servizio non devono costituire fonte di autodiagnosi né di cura: per impostare la dieta e per qualsiasi dubbio in merito, rivolgersi al proprio medico curante

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te